Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica, Video

Le Corde di Alessandro Mannarino arrivano in Sila

Scritto da on 10 settembre 2015 – 09:01nessun commento

Dopo Paola Turci e Manu Chao i concerti ‘in quota’ di La Sila Suona Bee chiudono i battenti  con Alessandro Mannarino e il Corde 2015  domenica 13 settembre, nella splendida cornice di Monte Curcio (Camigliatello, Cs).

La rassegna,  che unisce musica, natura e territorio, turismo culturale e musiche a km 0 nel Sud Italia, è ideata da Giampaolo Calabrese per Archimedia, con la produzione esecutiva di Piano B e si avvale dell’area food  cMannarino2015_foto di Paolo Palmieri (11)_mediaurata dal Gal Sila, che proporrà in questa chiusura di edizione, percorsi del gusto eno-gastronimoci d’eccellenza oltre che degli itinerari  di Cammina Sila.

L’ appuntamento con il cantautore romano è quello che arriva più in alto in assoluto, a 1800 m di altitudine, raggiungibile grazie all’ovovia, situata  negli impianti di Camigliatello Silano dell’Arsac. Una esperienza senza precedente tra i boschi e panorami mozzafiato.

Periodo d’oro per Alessandro Mannarino, una delle espressioni più convincenti della nuova canzone d’autore italiana,  oltre 60.000 copie vendute con i 3 album “Bar della rabbia” (2008), “Supersantos” (2011) e “Al Monte” (2014) e un tour che ha richiamato un pubblico di oltre 40.000 persone,  Premio Gaber e Premio Siae come miglior artista emergente,  il Premio Amnesty International Italia 2015 per il miglior brano sui diritti umani.

Mannarino oggi significa riflessione politica e sociale unita a ricerca musicale. Lo dimostra il tema del suo tour che sta percorrendo tutta l’Italia: corde. Che non significa solo dare un nuovo abito alla sua musica ma una scelta di campo precisa, usare strumenti, e materiali come il legno, la pelle, le corde, che respirano, sanno parlare, urlare, sussurrare, entrare in sintonia con il musicista e brillare di luce propria. Interpretare l’animo umano e tradurlo in suoni.

Le chitarre saranno suonate da Tony Canto (già produttore artistico del cantautore), Alessandro Chimienti e Alessandro Mannarino. Nicolò Pagani al contrabasso. Francesco Arcuri, polistrumentista, suonerà il violoncello, la sega sonora, alcune percussioni e si occuperà della parte elettronica. Al violino, tamburo battente e voce femminile, Lavinia Mancusi. Gli strumenti a corde si appoggeranno sulle ritmiche del percussionista polistrumentista Daniele Leucci.

 

 

 

Prevendite

www.inprimafila.net

www.ticketservicecalabria.it

www.etes.it

www.ticketone.it

 

INFO

www.facebook.com/lasilasuonabee