Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Musica

LinkingCalabria #Summer: a RockOn Stef Burns e Stu Hamm

Scritto da on 30 luglio 2015 – 08:43nessun commento

C’è un piccolo pezzo di Lombardia in Calabria. Un paese incastonato tra i monti del Reventino, riemerso a nuova vita all’inizio del secolo scorso, dopo un terremoto devastante che distrusse l’antico centro abitato di Martirano. Da Milano e Busto Arsizio arrivarono ingegneri, maestranze e i fondi necessari per ricostruire. Dopo due anni nasce il nuovo borgo che  chiamano Martirano Lombardo, in segno di riconoscenza verso quella gente che aveva voluto costruire un ponte ideale tra Nord e Sud.

 

Una bella storia che prosegue grazie a un piccolo ma vitalissimo festival che ha aperto un altro ponte tra la Calabria e, questa volta, il resto del mondo, con la complicità della musica. Il festival si cstef burns 80_4620950105104707977_nhiama RockOn  e da dieci anni porta nella valle del Savuto il meglio del rock internazionale. Stiamo parlando di gente che ha fatto la storia della musica del Novecento, da Tony Levine a Steve Lukhater a Carl Palmer e Stef Burns, che il prossimo 3 agosto torna a Martirano insieme a Stu Hamm, una leggenda per i bassisti di qualsiasi latitudine, in una delle sette tappe italiano del loro tour.

Capace di passare dal jazz alla fusion al rock più duro, da Vasco Rossi a Huey Lewis, dai Berlin a Alice Cooper ai Temptations, Stef Burns è uno dei migliori chitarristi in circolazione. In Calabria arriva con Roots & Wings, ultimo album in ordine di tempo, e il nuovo gruppo,  Stef Burns League, affiancato da Fabio Valdemarin (alle tastiere), Juan Van Emmerloot (alla batteria) e naturalmente da Stu Hamm al basso.

Hamm, un pò Dr. Jekyll e Mr Hide, mantiene nel corso dei concerti un  profilo ‘basso’ che emerge quasi in sordina nel porre la sua tecnica strepitosstu hamm 5_561823693215218921_na al servizio della musica -che sia rock,  jazz, fusion, country, poco importa-  e del pubblico fino ad esplodere negli a solo, nei quali sbalordisce invariabilmente tutti con il suo virtuosismo (ve ne proponiamo un assaggio nel video che pubblichiamo, tutto da ascoltare e da ‘vedere’) , assolutamente fuori da qualsiasi schema, che impone il basso come strumento solista anche nell’ensamble.

Definito il miglior bassista jazz e rock, l’artista di New Orleans è osannato dal pubblico e chiamato al fianco da sempre da musicisti del calibro di Joe Satriani, Steve Vai, Jeff Berlin fino alla Elektric Band di Chick Corea.

Insomma, ancora una serata di grande rock. E non solo per gli amanti di Jaco Pastorius e dintorni.