Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Itinerari e Vacanze, Musica

Settembre al Parco a Catanzaro con il Banco, Fortis, Ibrahim e Hadley

Scritto da on 1 settembre 2011 – 08:06nessun commento

Si rinnova il tradizionale appuntamento con la musica d’autore al Parco della Biodiversità di Catanzaro dal 1 al 4 settembre 2011 con un programma rappresentativo di quanto di meglio ha offerto il panorama musicale internazionale nei favolosi anni ’70 e ’80.

Il compito di inaugurare la rassegna è stato affidato al Banco del Mutuo Soccorso, che si esibirà nell’anfiteatro del Parco giovedì 1 settembre.

Autore di album come Darwin, Banco del mutuo soccorso, Io sono nato libero, …di terra, Buone notizie, Urgentissimo, che hanno fatto il giro del mondo, il Banco, insieme alla Premiata Forneria Marconi, gli Area,  Le Orme, ed un gruppuscolo di musicisti di grande valore, rappresenta uno dei protagonisti indiscussi del rock progressive, non solo di casa nostra, capace di comparire al fianco di band come Genesis, King Crimson, Jethro Tull, ELP.

Francesco di Giacomo, Vittorio Nocenzi  & C., a quarant’anni –o giù di lì- dall’esordio, presenteranno i loro successi storici in un concerto che si preannuncia, come di consueto, seguitissimo.

Venerdì 2 settembre è il turno di Alberto Fortis,ex giovane cantautore, ex arrabbiato (Milano e Vincenzo sono forse i brani più rappresentativi e più noti al grande pubblico) oggi impegnato a tempo (quasi) pieno in favore dei diritti umani e nel sociale, come ambasciatore UNICEF e testimonial dell’AISF.

La manifestazione tocca una tappa importante  sabato 3 settembre con il concerto di Abdullah Ibrahim, pianista e compositore sudafricano, noto per il suo impegno contro l’apartheid quanto per un talento eccezionale e la capacità assoluta di esplorare diversi territori musicali, dal jazz (riferimenti imprescindibili Duke Ellington e Thelonius Monk) ai ritmi africani e tribali alle atmosfere mediorientali, evocati in un mix raffinatissimo dal tocco magico di Ibrahim.

Un concerto che farà felici i numerosi fans ma anche coloro che conosceranno per la prima volta l’intenso lirismo di questo artista che si dice ispirato da Allah. Imperdibile!

Chiude la rassegna sabato 4 settembre Tony Hadley, frontman degli Spandau Ballet, mitico gruppo british, leader della scena pop New romantic londinese negli anni  ’80, appena uscito dalla sala di incisione nell’ultima fatica di Caparezza.

Buona musica a tutti!