Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » festival, Musica

Sulle rive dello Stretto, il jazz incontra la musica persiana e i Doors

Scritto da on 31 luglio 2015 – 08:21nessun commento

Lei è una delle interpreti più sensibili delle millenarie tradizioni poetiche e musicali della sua Persia. Lui è un jazzista con diverse collaborazioni importanti e il pallino per la musica sudamericana. Sono Farzaneh Joorabchi e Filippo Pedol, gli artisti che martedì 4 agosto alle 4,40 del mattino, come di tradizione, salutano l’alba dalla Rotondetta del Lungomare Falcomatà a Reggio Calabria e aprono ufficialmente l’edizione numero 24 di EcoJazz Festival, nato per non dimenticare le vittime di tutte le mafie.

 

farzaneh jorabchiUna alchimia musicale inedita quella tra la voce e il setar di Farzaneh, che introducono il pubblico al composito mood dell’universo musicale e coreutico persiano, che rimanda a una tradizione millenaria e raffinatissima e alla lirica mistica, e il contrabasso di Pedol che lasciano il posto il 5 agosto a un’altra complessa liason, quella tra jazz e rock, ossia OverDoors, tributo ai mitici Doors firmato da Luca Aquino.

All’inizio c’era Miles Davis e la sua svolta ‘elettrica’, che dà la stura all’incontro con Joe Zawinul, Wayne Shorter, Chick Corea. Poi arrivano gruppi come i Weather Reaport, Mahavishnu Orchestra, Soft Machine che scelgono di muoversi in territori di confine, sperimentando sonorità liminali sul solco tracciato da Miles. Negli stessi anni Jim Morrison e Ray Manzarek si conoscono a Venice Beach e danno vita ai Doors, un progetto musicale che non ha probabilmente eguali, che assembla rock, blues, psicadelia e jazz, e molto deve anche allo spirito profetico di Miles.

L’incontro tra i due campioni, Miles e Jim, viene rinnovato da Luca Aquino, classe 1974, tra i migliori esponenti del jazz italico, che insieme a Antonio Jasevoli eluca aquino alla sezione ritmica composta da Dario Miranda (basso) e Lele Tommasi (batteria), in questo tributo ai Doors compie “un’escursione in quella lussureggiante terra di nessuno che sta tra il Davis della svolta elettrica, i primi Nucleus e i Soft Machine di «Six» e «Seven»”, come scrive Francesco Prisco su Il Sole 24Ore. Alla fine, Aquino non propone né una cover o una semplice rielaborazione di brani passati alla storia ma, come afferma lui stesso, un percorso in cui ci si sente liberi di ripercorrere Light my fire o Ryders on the Storm o LA Woman senza alcun senso di colpa.

Torna in Calabria, dopo il bel concerto a Le Querce di Sarrottino, nella primavera scorsa, il duo sarahjanemorris-20Sarah Jane Morris – Antonio Forcione, coppia di autentici fuoriclasse del proprio strumento, la voce da una parte, la chitarra dall’altra, che esplorano fino ai limiti del conosciuto, traendone sonorità uniche e originali. Il duo naviga tra i brani che hanno reso famosa la Morris, che percorre R&B, jazz, blues, disco, e le ultime creazioni, decisamente più intimiste, senza trascurare gli spazi di improvvisazione affidati a Forcione (6 agosto).

Fuoriclasse lo è anche il pianista italo-americano Joey Calderazzo, che sfodera negli stessi giorni anche al Peperoncino Jazz Festival le sue doti di artista energetico e travolgente, dalla tecnica brillante, ottimo bilanciamento tra melodia e ritmo, fraseggio eccellente. Un piccolo tornado che travolge il pubblico a ogni esibizione, con la complicità in questa occasione di Jasper Somsen e Justin Faulkner.