Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica

Tempo di rock a Rock Auser con la leggenda Pat McManus

Scritto da on 11 agosto 2015 – 16:27nessun commento

Arrivano dalla scena underground romana, anni di gavetta alle spalle, 2 Ep e tanti concerti per farsi conoscere e poi, lo scorso anno, il primo lavoro ufficiale, Monarch, distribuito dalla olandese Suburban Records, tra i suoi artisti nomi del calibro di Joss Stone e Public Enemy, che viene subito incluso tra i migliori lavori degli ultimi tempi. A firmarlo sono i Mad Shepherd che l’11 agosto aprono Rock Auser ad Albi (Cz), piccola ma vitalissima rassegna che ha portato negli anni passati nella Sila catanzarese il rock d’autore.

 

Co-prodotto da Walter Babbini (Zucchero, Negrita, Morricone) e impreziosito dal mastering di MadShepherd2-e1401387317663Howie Weinbergcon, un bel video premiato alla 12ma edizione del festival Roma Videoclip (ve lo facciamo vedere in questa pagina), che ha premiato anche i Mad come Migliore band emergente, Monarch è un concept album ben costruito, sound maturo e che non perdona, che nulla ha da invidiare a realtà blasonate come Alice In Chains, Alter Bridge, Soundgarden, alle quali i nostri si ispirano.

Testi diretti, sound potente e azzeccato, cifra personale che escludono qualsiasi banalità.

 

Ospite più che speciale della due giorni è Pat McManus, leader dei Mama’s boys, come dire una leggenda del rock, gente che ha lavorato con Bon Jovi, Marillion, Sting, Black Sabbath, Scorpions, Deep Purple, per intenderci. Incluso nel gotha dei 50 migliori chitarristi al mondo, erede di Roy Gallagher e Gary Moore, tanto per citare altri due chitarristi irlandesi famosi fuori dai confini nazionali, tcnica e talento da vendere , trenta album alle spalle, questo artista che ha incontrato la musica a 4 anni, imbracciando un violino, si muove con agio tra diversi generi, usando anche campioni e sequencer, sui palchi e nei festival di mezzo mondo.

E’

Il nostro arriva con una band interamente irlandese con un energetico Paul Falcon alla batteria eWalking-Trees l’ottimo Marty McDermott al basso. Insomma, un concerto da non perdere il 12 agosto.

Nel cartellone di Rock Auser ci sono anche Matthew Lee, pesarese folgorato sulla via di Damasco dal ritmo selvaggio del pianoforte rock e ben deciso a farlo rivivere,  e i Walking Trees, band calabresissima che appena festeggiato i vent’anni di attività sempre in bilico tra rock e blues passando per l’R&B.