Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Oltreconfine

Bianco-Valente e l’arte della sintesi in mostra a Firenze

Scritto da on 27 gennaio 2014 – 12:06nessun commento

biancovalente_nLoro si chiamano Bianco-Valente, al secolo Giovanna Bianco e Pino Valente, e sono una delle coppie, nel lavoro e nella vita, più acclamate della galassia artistica italiana. Il loro ultimo allestimento, curato da Pietro Gaglianò, vibonese ma ormai di stanza a Firenze, si chiama Campo Visivo e sarà inaugurato giovedì 30 gennaio 2014 alla SRISA Gallery of Contemporary Art di Firenze, dove resterà aperta sino al 10 marzo.

Bianco-Valente presentano un progetto basato sull’osservazione delle relazioni tra le persone, e tra queste e i luoghi e i linguaggi. I molti autori (e vettori) di questo viaggio nell’immagine come metalinguaggio sono stati artisti, studenti, viaggiatori. Il progetto è stato pensato espressamente per questa mostra e si e’ rivolto agli studenti e allo staff della Srisa, fino al coinvolgimento di un cospicuo numero di giovani artisti attivi a Firenze, e alla partecipazione di amici, studiosi e artisti affermati. A ognuno è stato chiesto di scrivere un breve commento descrittivo di un acquerello o di dipingere un acquerello che illustrasse un testo che gli era stato sottoposto. Ogni volta senza entrare in contatto con i passaggi precedenti, ignorando di quanti transiti l’oggetto della sua interpretazione sia il frutto. 

Le opere del duo artistico nascono sempre come sintesi di un processo interrogante, che si irradiabiancovalente2_n dagli autori per coinvolgere diversi interlocutori, lo spazio, gli strumenti di rappresentazione e i dispositivi di identificazione e di riconoscimento dell’appartenenza. In forza di questa vocazione tutti i loro lavori, anche quelli più formalmente compiuti, mantengono il profilo della stratificazione che li ha creati, e lasciano leggere la complessità di sguardi e di azioni che sono intervenuti nella loro composizione. Che si tratti di mappe, di narrazioni visive e verbali, di interventi fisici sull’architettura e sul paesaggio, Bianco-Valente agiscono seguendo un minuzioso percorso di riscrittura, sotto la pelle delle cose e molto più in là della loro superficie.(Pietro Gaglianò)

 
 
SRISA Gallery of Contemporary Art – Santa Reparata International School of Art
Via San Gallo 53r, 50129 Firenze
Tel. 055 4627374 
info@santareparata.org
www.santareparata.org/gallery/gallery_home.html  
www.biancovalente.com