Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Primo Piano, Video

Cleo T. folletto malinconico in concerto a Jacurso

Scritto da on 7 aprile 2014 – 10:59nessun commento

Appuntamento con la musica internazionale d’autore con  Cleo T., cantante e musicista francese, che torna in Italia e fà tappa a Jacurso (Cz), a pochi chilometri da Lamezia Terme, mercoledì 16 aprile ore 21.30 (nella Sala Comunale in via Nazionale) con la sua band (Valentin ‘Almighty’, Eric Birdream, Roots Oliver).
cleot.2nlg-t200x200In foto compare con gli occhi bistrati, una corona di spilloni sui capelli che ricordano le immagini dell’Addolorata, lo sguardo trasognato, rivolto su di sé.  Un’immagine che potrebbe fare da filo conduttore al suo album d’esordio, Songs of gold & shadow, realizzato nell’autunno 2013,  prodotto e registrato a Bristol dal leggendario John Parish (produttore di PJ Harvey, Eels, Tracy Chapman).

 

Una manciata di brani scritti dalla cantautrice, con eccezione di una ghost track che chiude l’album, firmata da Robert Wyatt (Soft Machine), che scorrono malinconici e inquieti, ironici e beffardi, in un clima che si fa mano a mano ipnotico.Dentro c’è la paura di perdersi, di non sentire più sé stessa, le proprie emozioni, un profumo o un suono, in un labirinto che accoglie e terrorizza con il suo abbraccio mortifero. Ma è sogno o realtà?

 

Song of gold & shadow è un invito al lasciarsi trasportare lontano, guidati dalla voce calda di Cleo e dalla sua musica, che richiama le boite fumose di Montmartre e la nouvelle vague ma anche Tori Amos, Kate Bush e Bjork, tra echi alla Kurt Weil, valzer viennesi e atmosfere balcaniche, grazie al sapiente impasto tra piano, violoncello, chitarre, contrabbasso, ottoni, theremin.

Un’ ottimo debutto per questa artista autodidatta, che ama l’Italia e la Germania, la poesia, il teatro e il cinema, cui attinge di continuo nelle sue canzoni, vincitrice del concorso parigino per Giovani Talenti nel 2012, che si è esibita anche su palchi prestigiosi come l’Olympia Hall di Parigi..

 

“Songs of Gold and Shadow” ci prende per mano e ci porta a compiere un grande viaggio, fatto di chitarre insistenti ed atmosfere romantiche e dark, in una cornice tutta europea, che ha il sapore di quelle capitali in cui la lingua comune è la musica, parlata da migliaia di artisti di strada che si esibiscono in piazze importanti all’ombra di gigantesche cattedrali gotiche. (M. Stella Tavella)

 

INFO
Tel 0968-70000 / 3498853332
e-mail ufficiostampa@comune.jacurso.cz.it