Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Primo Piano

Debutta il prossimo 5 novembre la seconda edizione di TropeaFestival Leggere&Scrivere

Scritto da on 30 ottobre 2013 – 19:02nessun commento

Franco Arminio, Marcello Veneziani, Vittorio Sgarbi sono alcuni degli ospiti della seconda edizione del TropeaFestival Leggere&Scrivere che si svolgerà, dopo una breve sospensione ed un necessario rinvio, dal 5 al 10 novembre 2013 tra Tropea, Vibo Valentia, Soriano e Serra S. Bruno.

 

Una edizione che si presenta rinnovata rispetto alla precedente, con un programma fitto di iniziative rivolte in particolare alla promozione del libro e dei suoi attori, dalle librerie indipendenti alle biblioteche agli editori, soprattutto nella regione, con un focus sulle sfide riservate dal web e dalle nuove tecnologie.

 

curziomaltese

 Un percorso esplorato in una delle quattro sezioni del Festival, Una Regione per leggere, affrontato con l’aiuto di intellettuali dello spessore di Maurice Aymard, Curzio Maltese, Aldo Varano, Franco Arminio, Marcello Veneziani, Giordano Bruno Guerri, Cesare De Michelis, Marina Valensise, Franco Piperno, Gian Arturo Ferrari.

 

Al rapporto tra la parola scritta e parola musicata è riservata la sezione Carta canta che, con l’aiuto di musicisti, critici, scrittori, come Enzo Guaitamacchi, Cristina Donà, David Riondino, Niccolò Fabi, Barbara Casini, Giovanni Choukhadarian, indaga nelle maglie della nostra quotidianità interrogando territori sonori vecchi e nuovi nelle multiformi contaminazioni con la poesia, la letteratura, i media.

 

La Calabria, terra di estremi e di contraddizioni, di colori decisi ed opposti insieme, di testimonianze di un grande passato  e di necrosi vecchie e nuove, sarà al centro della sezione Calabria, Fabbrica di cultura. In una terra dai mille volti difficilmente identificabili il futuro è nelle mani della cultura e della capacità di viverla, produrla, alimentarla, diffonderla. Ne discutono Fabio Mollo, regista de Il Sud è Niente (ne parliamo in un altro post), che partecipa anche come sceneggiatore del film Hakuna Matata di Aldo Iuliano,  Luca Nannipieri che dialoga con Cesare de Michelis e Mario Caligiuri del rapporto non sempre fecondo tra Stato e cultura, tema ampiamente dibattuto negli ultimi mesi in Germania a seguito della pubblicazione di Kulturinfarkt di D. Haselbach, A. Klein, P. Knusel, S. Opitz. ed in Italia con la sua traduzione ad opera di Marsilio.

giuseppeberto

 Tra i numerosi appuntamenti (il Programma completo si può scaricare qui) ricordiamo il 7 novembre, ore 18 lo speciale dedicato a Giuseppe Berto, indiscusso protagonista della letteratura italiana del ‘900, nel centenario della nascita, del quale viene presentato Elogio della vanità. Scritto nel ’65 subito dopo Il male oscuro, il suo capolavoro, questo pamphlet politicamente scorretto ed ad alto tasso corrosivo, prima censurato poi misteriosamente scomparso ed infine ritrovato nel 2006 e oggi pubblicato dall’editore Settecolori di Lamezia Terme, che lo presenta insieme a Cesare De Michelis, Diego Bottacin e Luigi Maffia.

 

Il 10 novembre a Vibo Valentia omaggio all’artista siciliano Piero Guccione con Vittorio Sgarbi e Nunzio M. Nifosì, autore di un docu-film a lui dedicato.

 

Naturalmente la kermesse apre un’ampia finestra sugli scrittori calabresi e su temi di stretta attualità come quello della sanità in Calabria, oggetto del libro di Arcangelo Badolati e Attilio Sabato, Codice rosso, o del carcere preventivo, trattato da Annalisa Chirico in Condannati preventivi. Di ‘ndrangheta si parlerà con Enzo Ciconte, autore di Politici e malandrini, con Nicola Gratteri e Antonio Nicaso, coautori di Acqua Santissima.

 

Il giornalista Arcangelo Badolati si occuperà invece della figura di Saverio Montalto (autore di La famiglia Montalbano, forse il primo lucido e spietato ritratto della mafia calabrese), Bruno Gemelli, Settimio Ferrari e Vincenzo Crupi di un intellettuale militante e meridionalista come Pasquino Crupi, recentemente scomparso, e Paola Bottero autrice di Carta vetrata  del volto non sempre cristallino dell’informazione.

angelabubba _n

 Le serate degli 8, 9 e 10 novembre sono dedicate al Premio Letterario Nazionale Tropea, presenti la terna dei finalisti, Edoardo Albinati, Vito Teti, Benedetta Palmieri e gli ospiti speciali Antonio Preziosi, direttore di Radio Uno e Giornale Radio Rai, Marina Valensise, direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, Angela Bubba, catanzarese, una delle scrittrici tra le più talentuose dell’ultima generazione, autrice di La casa (selezione Premio Strega) e di MaliNati, lettera d’amore e di disperazione alla Calabria.

 

 

Ph.GianfrancoFerraro_nCome nella scorsa edizione il Festival prevede spazi dedicati ai più piccoli (Spazio Bimbi), con il teatro in lingua inglese di Silvie Dubois, lezioni di batteria, laboratori e letture a cura di Alberto Micelotta, unitamente ai laboratori di scrittura creativa curati da Pietro Pollichieni, cofondatore di 20.lines, riservati ai detenuti della Casa circondariale di Vibo, agli studenti del Liceo Scientifico Berto e al grande pubblico sul sito 20.lines.com, oltre a  mostre di arte e fotografia (qui sopra pubblichiamo in antemprima una foto del progetto Le regole del dolore di Gianfranco Ferraro) ed installazioni,  ospitati a Palazzo Gagliardi di Vibo Valentia.

Buon Festival a tutti!