Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Musica, Peperoncino Jazz Festival 2011, Primo Piano

John Patitucci al Peperoncino Jazz Festival 2011

Scritto da on 7 agosto 2011 – 08:23nessun commento

Arriva al giro di boa il Peperoncino Jazz Festival edizione 2011,  ancora una volta con un ospite di tutto rispetto, John Patitucci, che si esibirà l’ 11 agosto prossimo nello splendido scenario del Centro Storico di Torano Castello, terra natale dei Patitucci, che conferirà all’artista nell’occasione la cittadinanza onoraria.

Patitucci, classe 1959 è considerato dalla critica  americana il miglior bassista jazz, come rivelano peraltro le collaborazioni eccellenti che hanno contraddistinto la sua lunga carriera con musicisti del calibro di Chick Corea, Herbie Hancock, Wayne Shorter, Stan Getz, Wynton Marsalis, Joshua Redman, Michael Brecker, Kenny Barron, Freddie Hubbard, Tony Williams, Hubert Laws, Mulgrew Miller.

Piccolo prodigio (già a 12 anni compone musica e si esibisce nei locali di Brooklyn) Patitucci dimostra da subito un notevole virtuosismo ed una curiosità vorace che lo porta ad esplorare diversi generi musicali (dal blues, al rock, al jazz fino alla musica classica) percorsi sempre con entusiasmo e straordinario talento.

Doti, queste, che gli consentono di passare con estrema disinvoltura dall’attività didattica con seminari  e workshop condotti nelle migliori scuole di musica degli Stati Uniti e del mondo alle partecipazioni come sideman  ai concerti di star come Sting, Natalie Cole, Carole King,  per approdare alla musica brasiliana con Milton Nascimento,  Astrud e Joao Gilberto, Flora Purim, senza trascurare la passione per la composizione, che lo porta anche a collaborare con il cinema.

Una carriera straordinaria che ha valso a questo “erede di Jaco Pastorius”, come è stato  definito,  numerosi riconoscimenti, diversi Grammy ed un numero infinito di premi , oltre  a contratti con le più importanti case discografiche.

Un’occasione imperdibile per conoscere un artista eccezionale.