Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Primo Piano, Video

Ma sarà veramente l’ultimo per i Nobraino?

Scritto da on 18 aprile 2014 – 08:28nessun commento

Arriva anche all’estremo lembo dello stivale la band di punta del folk-rock italico, i Nobraino, che il 20 aprile 2014 saranno all’Antica Traccia a Taurianova (Rc) per presentare il loro ultimo album.

nobraino7_871836371_nLorenzo Kruger e sodali non si smentiscono e ancora una volta offrono ai fans 14 brani sempre sul filo dell’ ironia, che a tratti diventa feroce sarcasmo, tra atmosfere scanzonate, testi che fanno riflettere, cambio di registro e di architettura continui. Con la passione di sempre per calembour e giochi di senso.

 

Sono appena usciti dalla sala di registrazione con L’ultimo dei Nobraino, che raccoglie brani scritti nel corso del tempo, tra un concerto e l’altro, alcuni dei quali già presentati al pubblico, che sta circolando sul web e presentato nel tour che tocca diverse città italiane, per la felicità dei fans, in trepida attesa delle performances ‘a sorpresa’ e ad alto tasso adrenalinico della band.

 

 

Nuova scena autoriale, che non ha paura di misurarsi con i ‘grandi’, da De Andrè a Conte, e con territori anche insidiosi, cimentandosi con una scrittura sempre più accurata, alla ricerca di nuove sonorità e punti prospettivi.

 

E se in Michè ‘riscrivono’ la Ballata del Michè di De Andrè, in Jacques Pervert giocano sul cognome del grande poeta francese per stravolgere in salsa latino-americana tonnellate di preconcetti sull’amore. Tema ripreso anche in Bigamionista, camionista bigamo diviso tra due donne (“lui le amava entrambe / una per la testa, l’altra per le gambe …prese tutte e due/ era la perfezione”), finendo per sceglierne una terza.

 

Non deludono neanche Esca viva (C’era un’esca nel mare/ di squali e di altri pesci cannibali/che sapeva come fare/a restare viva, viva, vivissima…) e Lo scrittore (Serve l’amore / per scrivere miliardi di poesie /piene di rose e di tutte quelle altre smancerie / analfabetiche rime senza originalità) che, tra allusioni e metafore, offrono uno sguardo disincantato sul nostro tempo.

 

 

http://www.nobraino.eu/