Primo Piano »

Pietro Grasso inaugura il Tropea Festival L&S. Il programma

9 ottobre 2017 – 13:19 |

“Caro Giovanni, scriverti non è facile, mettere ordine nei tanti pensieri e nelle innumerevoli cose che ho da dirti. C’è quel lieve imbarazzo tipico di quando due vecchi amici, abituati a condividere la quotidianità, fatta di cose grandi e piccole, …

Leggi tutto »
Home » Musica, Primo Piano, Tradizioni

The Dhol foundation, percussioni contaminate a Badolato (Cz) in scena al Tarantella Power 2011

Scritto da on 24 agosto 2011 – 13:19One Comment

In programma oggi 24 agosto 2011 al festival Tarantella Power uno degli eventi più interessanti proposti nell’estate 2011 in Calabria, la performance dei the Dhol Foundation, che sara’ preceduta dai calabresi Loukritia.

Il gruppo fondato da Johnny Kalsi nel 1989 puo’ vantare numerose partecipazioni nei festival etnici piu’ importanti nel panorama internazionale come il WOMAD, come collaborazioni con numerosi musicisti tra cui Trans-Global Underground, Imagined Village e gli Afro Celts.

Tra i concerti e le attivita’ piu’ strettamente legate alla musica, una delle missioni dei The Dhol Foundation, che sono di origine indiana (Pujab regione settentrionale dell’India incastonata tra Pakistan a Kashmir) e’ quella di diffondere la conoscenza e l’uso del Dhol, tamburo tradizionale di questa regione, in Inghilterra e in Canada. La didattica e’ secondo il leader Johnny Kalsi il modo migliore per diffondere e far apprezzare “culture altre” nel mondo “occidentale”.

Il Dhol e’, inoltre, usato in modo sperimentale accostato al rock, elettronica,  al pop per creare un particolarissimo sound tipico della produzione musicale piu’ innovativa della numerosa comunita’ indiana che e’ nata e vive stabilmente nel Regno Unito (vedi Asian Dub Foundation). Ne deriva un ottimo esempio di fusione tra cultura tradizionale e contaminazione che è anche alla base del lavoro che A.R.P.A. e molti soggetti che operano nel campo della valorizzazione del patrimonio culturale calabrese portano avanti.

Innovazione e non cristallizzazione è il motto di chi oggi si occupa di “musica etnica” in Calabria malgrado qualcuno vorrebbe sul palco il ripetersi di monotone “passate” all’organetto più simili ad un hamburger di un fast food che ad una salsiccia arrosto “locale” onnipresente (a volte eccessivamente) in tutte le feste di piazza.

Musica tradizionale che ieri chi è andato a Badolato ha anche ascoltato “tradotta” da Danilo Gatto e suonata al pianoforte da Carmen Staiano ed Ornella Cauteruccio nella performance “Etnopiano” che è anche il titolo del CD prodotto dal festival Tarantella Power.

Sempre oggi alle 18 in piazza San Domenico laboratorio sul canto popolare ed alle 19,30, in piazza Municipio, Otello Profazio presenterà “L’Italia Cantata dal Sud”.

Domani 25 agosto di scena l’Orchestra Popolare Calabrese diretta da Danilo Gatto che ospiterà Simone Cristicchi.