Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Primo Piano

Una società sull’orlo di una crisi di nervi a Primavera dei Teatri #14

Scritto da on 28 maggio 2013 – 11:06nessun commento

Martedì 28 maggio 2013 si apre il sipario su Primavera dei Teatri, la rassegna sulla drammaturgia contemporanea che si tiene per il quattordicesimo  anno consecutivo nella splendida cornice del Protonconvento di Castrovillari (Cs), promossa e organizzata dalla compagnia Scena Verticale.

 

Anche per l’edizione 2013, che prosegue per tutta la settimana sino al 2 giugno, Saverio La Ruina e Dario De Luca, direttori artistici e cuore pulsante di Scena Verticale (insieme a Settimio Pisano, che ne cura la parte organizzativa), hanno confezionato un cartellone di tutto rispetto, che tocca temi ed emergenze della nostra contemporaneità, si rivolge al passato per comprendere il nostro tempo –sempre più sfaccettato e difficile da cogliere ed interpretare nella sua essenza-, si interroga sul ruolo dell’artista in una società alla deriva, priva di ancoraggi e soprattutto di un orizzonte di senso.

 

spettIMG2013_ilnostroamoreschifoCosì, ne Lo stupro di Lucrezia Valter Malosti si confronta con Shakespeare per affrontare il tema della violenza sulle donne; in In fondo agli occhi Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari vagano su e giù per il Bel Paese raccogliendo storie, colori, frammenti di una società sempre più miope e chiusa in sé stessa, tema presente anche in Noosfera Museum, proposto da Fortebraccio Teatro, di e con Roberto Latini, ne La società, che segna il rientro sulle scene (ed a Primavera dei Teatri) di due outsider come Paolo Mazzarelli e Lino Musella, ne Lo splendore dei supplizi, di e con Licia lanera e Riccardo Spagnulo, a Castrovillari in anteprima nazionale, ed in Morir sì giovane e in andropausa, di Dario De Luca e Giuseppe Vincenzi.

 

Riflessione sociale, incapacità di amare, crisi del rapporto di coppia, si intersecano in Shitz Pane amore e…salame (Idiot Savant) ed in Il nostro amore fa schifo di Francesco d’Amore e Luciana Maniaci mentre Lenuccia, una partigiana del sud, con Maddalena Stornaiuolo, dimostra come, sempre, nei momenti più bui della storia, emerga una sconfinata forza di resistere e lottare.

marioperrotta_unbes

Si concentrano sulla capacità dell’artista di osservare il proprio tempo dai margini, dai ‘confini dell’impero’, invece, Un bés. Antonio Ligabue,  di e con Mario Perrotta, in prima nazionale, primo dei tre movimenti dedicati ad Antonio Ligabue, e Big biggi one man show, di Simone Biggi.

 

Affiancano gli spettacoli teatrali alcuni eventi performativi, realizzati da Gianfranco De Franco, musicista, terapeuta e spettIMG2013_lasocieta-900x350performer che, con Tunnel e Volo Infermo, traccia all’interno del Castello Aragonese di Castrovillari un percorso sonoro in cinquecento anni di storia, insieme al Laboratorio teatrale di Valter Malosti sul verso shakespeariano ed al Cantiere didattico di arti visive Learning by heart di Claudia Zicari, alla sua seconda tappa dopo il soggiorno a Palazzo Arnone di Cosenza.

 

Buona Primavera dei Tetri a tutti!

 

Per scaricare il Programma completo, avere info su servizi e biglietti, vai sul sito www.primaveradeiteatri.it