Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Musica, Teatro

Al Teatro Rendano di Cosenza si inaugura la tre giorni internazionale di tango

Scritto da on 12 febbraio 2011 – 03:18nessun commento

 

Dal 24 al 27 febbraio 2011 Cosenza Tango Festival 2011

Nato dalla volontà del ballerino e maestro cosentino Ciccio Aiello di creare in Calabria un evento internazionale di elevata qualità artistica, il Cosenza Tango Festival giunge quest’anno alla terza edizione.

La manifestazione, patrocinata dalla Provincia di Cosenza e dall’Assessorato al Turismo del Comune di Cosenza, sarà inaugurata il 24 febbraio per concludersi il successivo 27 febbraio.

Farà da location alla manifestazione il centro storico della città di Cosenza, con il Teatro Rendano, il Palazzo della Provincia e la Biblioteca Nazionale.

Come ogni anno, vastissimo il carnet di nomi di fama internazionale che si avvicenderanno nel programma, tra lezioni tematiche ed esibizioni.

Primo fra tutti, Pablo Veron, noto e appassionato protagonista di Lezioni di Tango di Sally Porter, che dopo due anni torna in Calabria, unica tappa nel meridione del suo tour italiano. Creatore di uno stile di danza unico che gli ha consentito di guadagnarsi il rispetto di ballerini di ogni età e provenienza, è riconosciuto a livello internazionale come il rinnovatore di questa danza, insieme ludica, misteriosa e sensuale.

Insieme a lui si esibiranno altri grandi nomi del panorama europeo come Pablo Tegli (Argentina) e Cesira Miceli (Italia), entrambi artisti tra i più amati della nuova generazione, in costante rinnovamento e alla ricerca di linguaggi corporei sempre nuovi, Alex Cantarelli e Mimma Mercurio (Italia), direttori della scuola/compagnia Meditango di Roma, nonché autori, produttori e interpreti di numerosi spettacoli di teatro-danza d’avanguardia, e Ciccio Aiello (Italia) e Pamela Damia (Argentina), fondatore della scuola/compagnia Calabriatango, cosentino lui, giovane e raffinata danzatrice argentina lei, insieme dal 2009 producendo nuovi spettacoli in cui fondono l’amore per la tradizione tanghera con la ricerca di nuovi stili.

In programma anche seminari e lezioni, nei giorni immediatamente precedenti al festival, ed eventi di approfondimento sulla cultura del tango e sull’Argentina, con la proiezione del film Lezioni di Tango martedì 22 febbraio presso il Caffè Letterario,  e un incontro culturale dal titolo Calabria Argentina: pensieri condivisi… tango, il 23 febbraio al Salone degli Stemmi del Palazzo della Provincia.

Giovedì 24 febbraio la manifestazione avrà inizio ufficialmente al Teatro Rendano (ore 21) con lo spettacolo “Un Tango per Raimondo”, dedicato alla memoria del giovane tanghero calabrese Raimondo Figliuzzi, scomparso per leucemia due anni fa, i cui incassi verranno in parte devoluti all’ASIT – Associazione Sud Italia Trapiantati. Durante lo spettacolo si esibiranno sul palcoscenico di uno dei più bei teatri calabresi gli artisti Tegli-Miceli, Cantarelli-Mercurio e Aiello-Damia, accompagnati dalla musica dal vivo dell’orchestra dei Tango Sonos Quintet (Antonio Ippolito, bandoneon; Vincenzo Albini, violino; Adrian Fioramonti, chitarra; Nicola Ippolito, pianoforte; Guglielmo Cajoli, contrabbasso) e la voce di Ruben Peloni.

Tutte le informazioni sul Cosenza Tango Festival sono consultabili sul sito www.cosenzatangofestival.it e su www.calabriatango.it .