Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Teatro

Armoniosi contrappunti, omaggio a Pino Michienzi

Scritto da on 9 marzo 2012 – 07:21nessun commento

Sabato 10 marzo 2012 Catanzaro tributa il suo omaggio a Pino Michienzi, l’attore catanzarese scomparso un anno fa, dedicandogli una giornata di incontri e testimonianze.

L’iniziativa, che si tiene al Teatro Politeama, sarà inaugurata alle ore 10.00 dalla mostra fotografica di Tommaso Le Pera, grande protagonista della fotografia di scena in Italia, che ha più volte colto nei suoi scatti Michienzi.

Le Pera, insieme a Pippo Franco, Wanda Ferro, Anna Maria De Luca, Luigi Franco, Emanuela Gemelli, ricorderanno in un incontro (ore 18.00) Michienzi uomo ed artista, anche attraverso la presentazione del libro “Guagliò. Storie di rughe”, una sorta di autobiografia in forma di romanzo, edita da Rubbettino.

Chiude la serata il teatro di Michienzi con la messa in scena di Aspru Munti, tratto da Gente in Aspromonte di Corrado Alvaro, con la regia del figlio Luca Maria Michienzi.

Pino Michienzi inizia a calcare le scene negli anni ’70, diretto da registi del calibro di Luca Ronconi, Antonio Calenda, Maurizio Scaparro, accanto ad attori come Mariano Rigillo, Enrico Maria Salerno, Giancarlo Sbragia. Tra una tourneè e l’altra e le brevi incursioni nel cinema e in Tv, trova il tempo di fondare una sua compagnia, il Teatro del Carro, con Anna Maria De Luca, compagna di vita e di lavoro per affrontare un tema a lui caro, quello della diffusione degli autori calabresi.

Comincia così un’opera incessante e paziente di scrittura e riduzione teatrale dell’opera di Corrado Alvaro, Leonida Repaci, Franco Costabile, Achille Curcio, Enotrio, Mario La Cava che si affianca alla riscoperta dei classici, riletti attraverso la chiave di lettura del dialetto calabrese e dell’uso sapiente della parola.

Perché la parola è l’altro grande amore dell’artista catanzarese, una parola scarnificata, liberata dagli orpelli e dai paludamenti socio-culturali incrostati nel corso dei secoli, per riassumere la sua essenza ed autenticità.