Primo Piano »

Pietro Grasso inaugura il Tropea Festival L&S. Il programma

9 ottobre 2017 – 13:19 |

“Caro Giovanni, scriverti non è facile, mettere ordine nei tanti pensieri e nelle innumerevoli cose che ho da dirti. C’è quel lieve imbarazzo tipico di quando due vecchi amici, abituati a condividere la quotidianità, fatta di cose grandi e piccole, …

Leggi tutto »
Home » festival, Musica, Teatro, Video

Bobby McFerrin apre Armonie d’Arte 2015

Scritto da on 3 luglio 2015 – 11:56nessun commento

Saranno Bobby McFerrin e Josè Carreras, due stelle scintillanti del firmamento musicale internazionale, ad aprire l’edizione 2015 di Armonie d’Arte Festival, che si tiene dal 19 luglio nello scenario incantato della Basilica normanna di S. Maria della Roccella nel Parco di Scolacium, a Roccelletta di Borgia di Catanzaro.

bobby mcferrinA 75 anni suonati Bobby McFerrin può dire di avere tutto dalla musica. Ritenuto uno dei più grandi interpreti jazz, vocalist dalla tecnica sopraffina, virtuoso dello scat, capace di sfidare continuamente sé stesso oltrepassando qualsiasi confine, dopo essere passato dal jazz alla musica classica transitando anche per il funky, il pop e il reggae, dall’uso della voce a quello della bacchetta del direttore d’orchestra.

Nel suo palmarès ci sono ben dieci Grammy, milioni di dischi venduti (l’ultimo è Spirit You All), a iniziare da quel The Voice che costituisce il punto di partenza per qualsiasi cantante, confezionati in buona parte insieme ai grandi nomi della musica del 20mo secolo, da Jon Hendricks, che lo ha scoperto, a Herbie Hancock a Chik Corea passando per George Benson o i Manhattan Transfer, tanto per fare qualche nome.

Insomma, un concerto da non perdere, che piacerà a tutti, appassionati e non solo, conoscendo la straordinaria capacità di interplay con il pubblico di McFerrin.

 

 

A raccogliere il testimone, il 25 luglio è un’altra grande voce, quella di Josè Carreras, in scena ad Armonie d’Arte per uno dei tre concerti italiani. Spagnolo del sud, di Barcellona, talento precocissimo, a meno di trent’anni ha un repertorio vastissimo, capace di spaziare da Puccini a Verdi a Bellini a Donizetti a Mozart, tanto da essere considerato una delle più belle voci in circolazione e un interprete superbo in ruoli ‘di peso’. Poi la malattia, l’impegno con la sua fondazione contro la leucemia e il ritorno sui palchi dei maggiori teatri del mondo.

Per gli appassionati della musica d’autore di casa nostra la kermesse ad agosto propone tre concerti adatti a tutti i palati grazie a Sergio Cammariere, Nina Zilli e Francesco Renga.

cammariereSergio Cammariere porta in tour il nuovo lavoro, Mano nella mano, sesto album di inediti all’attivo, confezionato con artisti del calibro di Antonello Salis e Gegè Telesforo. Ad Armonie d’Arte l’artista crotonese si esibisce con una band d’eccezione nella quale spicca l’amico e sodale di sempre, Fabrizio Bosso, alla tromba.

Sul palco di Roccelletta salgono anche Nina Zilli, anima soul con puntate nel rock e nella musica mainstream, che porta in giro per l’Italia il suo ultimo album Frasi&Fumo, e Francesco Renga, reduce da diversi sold out, l’ultimo all’Arena di Verona, per il suo Tempo reale extra tour.

Non solo musica ma anche teatro e danza nel programma del Festival, dedicato in questa edizione ai Viaggi di Erodoto, abbraccio verso popoli e terre diverse, uniti dal comune affacciarsi sul Mediterraneo. In cartellone ci sono Mariangela D’Abbraccio (La terra degli ulivi parlanti) in una produzione originale del Festival dedicata al teatro classico, e Edoardo Siravo, che porta sul palco Le supplici di Eschilo. All’estremo Oriente guarda il Balletto del Sud con lo spettacolo Sheherazade e le mille e una notte.

riondino-4Il Festival chiude il 27 agosto con una vera chicca. Per il 750mo anniversario dantesco, David Riondino presenta Più dura che petra, una produzione targata Ravenna Festival, nella quale, partendo dalle Rime petrose, guida il pubblico attraverso un percorso che dal più aspro stile dantesco tocca le cupe atmosfere amorose del trovatore Arnaut Daniel (menzionato da Dante nel Purgatorio) assieme alle composizioni dei più celebri musicisti dell’ars nova italiana e francese, da Guillaume de Machaut a Jacob Senleches, da Francesco Landini a Jacopo da Bologna, che al gusto per la poesia raffinata e complessa dei poeti provenzali uniscono l’interesse per le complessità e gli artifici metrico-ritmici, che avrebbero meritato alla loro arte l’etichetta di ars subtilior.

Tutto il programma su http://www.armoniedarte.com/