Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Musica, Teatro, Video

Carmine Torchia cantore dei nostri tempi a Lamezia Terme

Scritto da on 6 febbraio 2015 – 08:34nessun commento

Giorno dopo giorno assumiamo l’aria delle foglie sopra ai rami, e si può cadere per posarsi sulle mani di chi sta passando senza avere neanche idea di trovarsi là per una ragione: far brillare la realtà, coglierci nel vento, dar conforto e calma, allontanare lo spavento. Si può uscirne vivi dallo smarrimento.
Ed arriva il giorno che mutiamo in foglie libere, forti del ricordo che tutto è passato ormai: il nero dell’oscurità, le sue profondità; poi tornare ad esser musica.                  Giorno dopo giorno somigliamo sempre più alle foglie sui viali: niente più vertigini né battiti di ali degli uccelli di passaggio a gran velocità; ci si sveglia altrove, in quel caldo buono che c’è quando fuori piove, colti dentro al vento da chi ci ha guariti e ci ha sottratti allo spavento. Si può uscirne vivi dallo smarrimento. Ed arriva il giorno che mutiamo in foglie libere…

carmine torchiaGiorno dopo giorno è forse il brano che ritrae meglio di altri l’essenza di questo poeta-chansonnier, cantore di un microcosmo malinconico e intenso, di poeti dimenticati, di ladri e astronomi, di un’umanità dolente e dignitosa, in attesa che arrivi il suo momento, che risorgano verità e dignità. Il brano chiude Bene, l’ultimo album in ordine di tempo di Carmine Torchia, che verrà presentato il prossimo 6 febbraio a Palazzo Nicotera, a Lamezia Terme.

Ha pubblicato il suo primo disco, Mi pagano per guardare il cielo, nel 2008. Poi ha iniziato a girare per l’Italia, cantando e suonando per strada e nei locali in un viaggio chiamato, non a caso, Piazze d’Italia. Un tour durato quattro mesi, 9000 km percorsi, 130 ore di viaggio, un’ esperienza che diventa anche un libro (pubblicato da Prospettiva editrice), un cortometraggio e uno spettacolo teatrale.

Carmine Torchia, calabrese di Sersale, casa a Milano (la “città di passaggio che mi ha dato la possibilità di lavorare alle nuove idee che avevo in testa”), un’ <<anima errante da assecondare>>, in moto perpetuo tra le tavole di un teatro e quelle di un palco, per esibirsi con la sua chitarra o per accompagnare qualche collega – Stefano Rosso, Peppe Voltarelli, Niccolò Fabi, Eugenio Bennato, Moltheni, Tonino Carotone, il Parto delle nuvole pesanti, Andrea Chimenti-, tra il foglio bianco su cui scrive canzoni e poesie e la sala di registrazione.

Nel 2010 pubblica Alterazioni – processi sintatticamente simili, un lavoro sul concetto di opera aperta che registra assieme agli artisti Walter Carnì e Gianfranco Scafidi. L’anno successivo compone musiche e canzoni per due spettacoli, Canta lu gallu e Sfera, progetto di musica|teatro intorno a Lorenzo Calogero. Con Ermelinda Bonifacio porta in giro Tavole imbandite, uno spettacolo sulle arti culinarie attraverso canti e racconti d’autore dalle forti reminiscenze popolari.

Poi arrivano il Premio SIAE alla miglior musica e il Premio AFI al miglior progetto discografico per Quest’amore e la voglia di ritornare a sè, l’urgenza di esprimersi con le proprie parole, la propria musica. E ad incidere quei dieci brani scritti nelle pausa tra uno spettacolo e un live e che ti porti dietro <<come una zavorra>> insieme alle valigie. Nasce così Bene, un cd e naturalmente uno spettacolo portato in giro da Nord a Sud.

Si parla di canzoni, naturalmente, di amori improbabili, di sogni, di amici inseparabili e compagni di baldorie, di incontri importanti. Storie legate da monologhi, sketch, botta e risposta con il pubblico. Insomma, siamo dalle parti del Teatro-Canzone. Sullo sfondo, una città del nord, apparentemente fredda, diversa da altre realtà a latitudini inferiori, ma che, alla fine, sa mostrarsi vulnerabile e forse persino familiare.

…ma dov’è finito il mondo, me lo chiedo mentre affondo, forse sono andati tutti al mare. Dove si è nascosto il mondo, era nelle piazze, un giorno è sceso con la rabbia a protestare. Si sarà smarrito, in fondo è un incubo così profondo che non sai da dove cominciare. Indico il mio mappamondo, chiedo se si è visto intorno, ma dov’è finito. Cosa si dovrebbe escogitare per ripristinar la verità? Cosa ancora deve capitare per vivere in dignità?” (Dov’è finito il mondo)

 

Link all’evento https://www.facebook.com/events/702532529862767/