Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Teatro

Die Panne di Durrenmatt al Teatro Politeama di Lamezia Terme

Scritto da on 15 gennaio 2011 – 03:18nessun commento

teatro_lamezia_198x134

IL 25 e 26 gennaio 2011,ore 21 Die Panna Ovvero la notte piu’ bella della mia vita, con Gianmarco Tognazzi e Bruni Armando, al Politeama Lamezia Terme

Le compagnie Indie Occidentali e Nera onda portano anche sulle scene calabresi Die panne, riduzione teatrale di uno dei racconti più noti dello scrittore e drammaturgo svizzero  Friedrich Dürrenmatt, nell’ adattamento di Edoardo Erba, la traduzione di Italo Alighiero Cusano e la regia di Armando Pugliese.

L’automobile in panne porta Alfredo Traps, commerciante di tessuti, a chiedere aiuto bussando alla porta di un’abitazione. Qui trova il padrone di casa, un vecchio giudice, in compagnia di due amici, un pubblico ministero ed un avvocato in pensione, che lo informano del loro passatempo preferito: rielaborare i processi più celebri della storia, a Federico di Prussia, a Socrate, a Gesù.

Durante la cena, cucinata dall’ex boia Pilet, tra una gustosa portata e l’altra – il prelibato menu è stato riscritto con i suggerimenti dell’esperto di cucina internazionale Luciano Ravasio -, senza nemmeno rendersene conto, il povero Traps si ritrova ad essere il nuovo oggetto del gioco e, quindi, imputato ad un processo che, a poco a poco, diventa realtà.

Mentre il protagonista parla, si confessa, i  tre giuristi, incalzandolo con le loro domande, fanno emergere i ricordi dalla nebbia di un passato neppure così tanto remoto. Confessandosi, Traps si trova di fronte alla prova della sua colpevolezza e, alla fine dell’interrogatorio, si infligge la condanna a morte che gli è stata sanzionata per gioco.

Una storia macabra e grottesca che ripercorre due temi cari a Dürrenmatt: l’azione individuale è destinata a produrre effetti a catena, di cui gli uomini ignorano spesso la portata; l’uomo può trovare la verità, anche se non  certamente attraverso le forme e le regole del processo, bensì dentro di sé.