Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Teatro, Video

E’ bello vivere liberi a More Fridays

Scritto da on 27 marzo 2012 – 20:28nessun commento

Un altro venerdì all’insegna di MORE FRIDAYS – I venerdì della scena contemporanea con “È bello vivere liberi” di Marta Cuscunà, in scena venerdì 30 marzo alle ore 21, all’interno della rassegna diretta e organizzata da Scena Verticale presso il Teatro Morelli di Cosenza.

Vincitore del Premio Scenario per Ustica 2009, “È bello vivere liberi” è stato accolto dal pubblico e dalla critica nazionale come uno degli spettacoli più toccanti ed entusiasmanti delle passate stagioni. La giovanissima Marta Cuscunà, in compagnia di cinque burattini e un pupazzo, affronta una pagina della storia italiana sempre attuale e ricca di spunti di riflessione, come quella della Resistenza. È bello vivere liberi è infatti uno spettacolo per riappropriaci della gioia, delle risate, delle speranze dei partigiani che sono state soffocate dallo sterile nozionismo. È uno spettacolo per riscoprire l’atmosfera vitale e vertiginosa di quel periodo della nostra storia in cui tutto sembrava possibile.  Per questo è dedicato a tutti quelli che  l’antifascismo l’hanno studiato solo sui libri di scuola, perché anche per lorola Resistenza diventi “festa d’aprile!”.

Lo spettacolo si ispira alla biografia di Ondina Peteani , prima staffetta partigiana d’Italia che, a soli 17 anni, si accende di un irrefrenabile bisogno di libertà e partecipa alla lotta antifascista nella Venezia Giulia. Il suo percorso inizia con le riunioni clandestine della scuola di comunismo e a 18 anni Ondina diventa staffetta partigiana e comincia ad affrontare le missioni più impensabili. La sua vicenda però, è stravolta bruscamente nel ’43 quando, appena diciannovenne, viene sprofondata nell’incubo della deportazione nazista. Ma è proprio in questo drammatico momento che Ondina ritrova con ostinata consapevolezza l’unica risposta possibile: Resistenza!  È bello vivere liberi! è infatti l’ultima frase che Ondina ha scritto a poche settimane dalla morte, quando, in ospedale, il medico le chiese di scrivere, a occhi chiusi, la prima frase che le fosse venuta in mente.

“…una sorpresa bellissima, commovente ed esaltante insieme.” Gianfranco Capitta • Il Manifesto

“…la vita di Ondina è un’onda che investe gli spettatori e li lascia alla fine scossi, grati alla piccola Marta, sua reincarnazione, di averla conservata intatta e vivida, in uno degli spettacoli più toccanti ed entusiasmanti di questa stagione.” Roberto Canziani • Il Piccolo

MORE FRIDAYS

Teatro Morelli

Via Lungo Busento Oberdan, I

Cosenza

Telefono 0984/793639

www.morefridays.it