Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Teatro

Il mito di Edipo rivive al Castello normanno di Catanzaro

Scritto da on 11 luglio 2016 – 08:10nessun commento

Qual è l’essere che cammina a volte a due gambe, a volte a tre, a volte a quattro, ed è più debole quando ha più gambe?  E’ l’indovinello che la Sfinge pone alle porte di Tebe, al quale solo Edipo sa rispondere: E’ l’uomo, che da bambino cammina sulle mani e sui piedi, da adulto sulle gambe, e da vecchio appoggiato ad un bastone.

Ma un altro enigma pende come una spada sul capo di Edipo. Chi è che ha ucciso Laio, il edipo-re_titlere di Tebe, di cui ha sposato la moglie, Giocasta? L’oracolo profetizza che la tremenda pestilenza che sta seminando morte e terrore in città cesserà solo quando si scoprirà chi ha assassinato Laio. Edipo, così, parte alla ricerca dell’omicida ma il suo viaggio svelerà un altro mistero, ben più importante: quello della sua vera identità. Liberare Tebe diventa liberare Edipo dalla menzogna e restituirlo a sè stesso, anche se questo costerà ancora sangue e morte.

Perchè Laio, Re di Tebe, è il  vero padre di Edipo, allontanato ancora in fasce dalla corte dopo che al re viene profetizzato che sarebbe stato ucciso dal figlio. In realtà Edipo non viene abbandonato ma affidato a dei pastori e da questi al Re di Corinto che lo alleva  come un figlio. Edipo, adulto ormai, incrocia sulla strada il carro di Laio e dopo una animata discussione lo uccide, non sapendo  chi realmente egli sia. Arrivato a Tebe e risolto l’enigma della Sfinge, ne sposa la vedova,  sua madre, che gli darà  quattro figli. Ma Edipo scopre di essere  l’assassino di suo padre e di avere giaciuto con sua madre. L’ epilogo è tragico: Giocasta s’impicca, Edipo si acceca e si condanna all’esilio.

Edipo re, il capolavoro che Sofocle scrisse tra il 430 e il 420 a.C., che il Teatro di Calabria porta in scena i prossimi 13 e 14, 26 e 27 luglio, ore 21, per  Grecalis 2016, tra le magiche atmosfere del Castello normanno, ne Complesso Monumentale del S. Giovanni a Catanzaro, è un’ opera immortale con cui tutti i grandi drammaturghi si sono cimentati, da Euripide a Seneca fino a Jean Cocteau. Un mito universale, su cui Freud costruì l’architrave della psicanalisi (il cd. complesso di Edipo), che rimanda alla fragilità dell’uomo e al suo inevitabile soccombere di fronte al divino; alla cecità umana, capace di grande saggezza quanto di abissi di abiezione; alla cecità del fato, che sopravanza la stessa responsabilità individuale.

Ma, soprattutto, Edipo dimostra, come Prometeo, come l’ansia di conoscere, di volere a tutti costi superare i limiti dei nostri angusti orizzonti, può rivelarsi fatale se non si è pronti ad affrontare la verità e le terribili tenebre del nostro inconscio.