Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Teatro

Italianesi di Saverio La Ruina in prima nazionale a Roma

Scritto da on 16 novembre 2011 – 14:35nessun commento

Lunedì 28 novembre alle ore 21 va in scena al Teatro India di Roma in prima nazionale l’ultimo lavoro teatrale del pluripremiato autore/attore calabrese Saverio La Ruina della compagnia Scena Verticale.

Italianesi è ispirato a delle storie vere  e la prima stesura del testo è giunta nella cinquina dei finalisti al Premio Riccione per il Teatro 2011.  Sul palcoscenico Saverio La Ruina racconta ad una tragedia inaudita, rimossa dai libri di storia, consumata fino a qualche giorno fa a pochi chilometri dalle nostre case.

Saverio La Ruina

Alla fine della seconda guerra mondiale, migliaia di soldati e civili italiani rimangono intrappolati in Albania con l’avvento del regime dittatoriale, costretti a vivere in un clima di terrore e oggetto di periodiche e violente persecuzioni Con l’accusa di attività sovversiva ai danni del regime la maggior parte viene condannata e poi rimpatriata in Italia. Donne e bambini vengono trattenuti e internati in campi di prigionia per la sola colpa di essere mogli e figli di italiani. Vivono in alloggi circondati da filo spinato, controllati dalla polizia segreta del regime, sottoposti a interrogatori, appelli quotidiani, lavori forzati e torture. In quei campi di prigionia rimangono quarant’anni, dimenticati.

Come il “nostro” pratogonista che vi nasce nel 1951 e vive quarant’anni nel mito del padre e dell’Italia che raggiunge nel 1991 a seguito della caduta del regime.

Riconosciuti come profughi dallo Stato italiano, arrivano nel Belpaese in 365, convinti di essere accolti come eroi, ma paradossalmente condannati ad essere italiani in Albania e albanesi in Italia.

Lo spettacolo resterà in scena al Teatro India di Roma fino al 3 dicembre con repliche il lunedì e martedì ore 21.00 e da mercoledì a sabato ore 19.00 per poi essere proposto in diverse città italiane e approdare il 4 e 5 gennaio al Teatro Sybaris di Castrovillari.

08 dicembre 2011 > Pisa, Chiesa di Sant’Andrea

09 dicembre 2011 > San Miniato (PI), Teatro Quaranthana

04 – 05 gennaio 2012 > Castrovillari (CS), Teatro Sybaris

24 – 29 gennaio 2012 > Napoli, Galleria Toledo

31 gennaio – 05 febbraio 2012 > Milano, CRT Teatro dell’Arte

11 febbraio 2012 > Calenzano (FI), Teatro Manzoni

14 -15 febbraio 2012 > Venezia, Teatro Ca’ Foscari

16 -17-18 marzo 2012 > Messina, Teatro V. Emanuele