Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Teatro

La lampadina galleggiante al Teatro Politeama di Lamezia

Scritto da on 12 dicembre 2011 – 10:50nessun commento

Martedì 13 e mercoledì 14 dicembre 2011, alle ore 21.00, in sostituzione dello spettacolo Il miracolo di Don Ciccillo annullato per sopraggiunta indisponibilità tecnico-artistica della compagnia, dopo l’anteprima nazionale al Teatro Nuovo di Spoleto debutta al Teatro Politeama di Lamezia Terme in PRIMA REGIONALE LA LAMPADINA GALLEGGIANTE, un nuovo allestimento tratto dall’omonimo testo teatrale  scritto da Woody Allen nel 1981 per una produzione di Broadway. I protagonisti sono Giuliana De Sio, Fulvio Falzarano e Mimmo Mancini, la regia è di Armando Pugliese. Per Giuliana De Sio, assente dalle scene lametine dalla Stagione di Prosa 2003.2004 che l’aveva vista protagonista in Notturno di donna con ospiti di Annibale Ruccello – una splendida prova d’attrice nel ruolo di Adriana -, si tratta di un graditissimo ritorno. Lo stesso per Mimmo Mancini già al fianco di Ornella Muti nel ruolo di Tito l’idraulico nella pièce L’Ebreo di Gianni Clementi andato in scena al Politeama la scorsa stagione.

LA LAMPADINA GALLEGGIANTE è una favola moderna o post moderna che riesce a ricreare quella particolare atmosfera sospesa tipica dei film di Woody Allen. La storia è ambientata a New York nel 1945 e ruota intorno ad una famiglia in crisi esistenziale. Ognuno segue tenacemente il proprio sogno: il padre tenta di vincere alla lotteria, la madre avrebbe voluto fare la ballerina ma ora cerca di vendere fiammiferi personalizzati per corrispondenza. Uno dei due figli è un piromane l’altro vorrebbe fare il prestigiatore ma è terrorizzato dal pubblico. E poi c’è un manager teatrale che annovera tra i suoi migliori clienti un cane che canta… Una storia di solitudini che non si incontrano, una sorta di “dramma di famiglia” pervaso di amara ironia contro cui si infrangono i sogni e le illusioni di ciascuno.

INFO: Comune di Lamezia Terme _ Ufficio Attività Culturali e di Spettacolo  0968.207339 / 207278
Biglietteria Teatro Politeama 366.1726414
www.teatroalamezia.it