Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Teatro

La Residenza della Piana ospita Silvia Gallerano, il nuovo talento del teatro italiano

Scritto da on 11 marzo 2016 – 08:18nessun commento

Prosegue anche nel 2016 la Residenza Artistica della Piana intitolata Del Bello Perduto, a Polistena, che nelle prossime settimane ospita l’attrice Silvia Gallerano e il suo nuovo progetto sulla scena, che vede coinvolto anche il calabrese Manolo Muoio.

Il progetto S-Chioma si  dipanerà in due settimane di ricerca creativa in cui si inizierà a dar forma all’idea del regista  Pasquale Idiv di mettere in scena i testi poetici di Mariangela Gualtieri (Chioma), coniungandolo con attività laboratoriali, attraverso prove aperte e workshop aperti al territorio, in Silvia-Gallerano-_-La-Merda-_-Photo-1-by-Guido-Harari-_-A5-LANDSCAPE-e1414502157721-1024x455vista dell’allestimento dello spettacolo che verrà portata in scena a breve nei teatri italiani.

La Residenza ha preso il via dalla presentazione al pubblico di un primo studio della piéce, avvenuta lo scorso 4 marzo, unitamente a un seminario gratuito assieme al performer calabrese Manolo Muoio e al regista Pasquale Idiv.

Silvia Gallerano, enfant terrible del teatro italiano, ha esordito con La Merda di Cristian Ceresoli, con il quale ha vinto diversi premi,  dal The Stage Award 2012 for Acting Excellence 2012 come Best Solo Performer al Fringe Festival di Edinburgo,  prima attrice italiana ad aggiudicarsi questo premio prestigioso, al Premio della Critica 2012, registrando il tutto esaurito ovunque. Uno spettacolo (i prossimi appuntamenti li trovare sulla pagina Facebook) ‘fisico’, brutale e potente,  un viaggio nel mondo mediatico, che tritura gli artisti in un meccanismo fatto di precarietà e mancato riconoscimento da cui è difficile fuggire.

Ci auguriamo che la Calabria porti fortuna a questa giovane attrice che ha dimostra e dimostra ogni giorno sul palcoscenico di avere carattere e talento da vendere.