Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Teatro

Laboratorio di scrittura scenica di Saverio La Ruina a Cosenza

Scritto da on 3 maggio 2011 – 18:07nessun commento

Dal 5 al 12 maggio 2011 al Piccolo Teatro dell’ Università della Calabria,Rende (Cs).

Con lo spettacolo la Borto, di e con Saverio La Ruina, in scena al Piccolo Teatro Unical il 5 maggio, si inaugura il Laboratorio teatrale Scrittura di scena, aperto agli studenti della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria.

Il Laboratorio coinvolgerà gli studenti per 7 giorni consecutivi (dal 6 al 12 maggio) in un lavoro corale che intende indagare il significato della ‘drammaturgia dell’attore’ e le tecniche tipiche della scrittura di scena.

L’improvvisazione è il piatto forte di un progetto in cui saranno i partecipanti a mettersi in gioco ed a sperimentare nuovi orizzonti del linguaggio teatrale, divenendo creatori a loro volta della messinscena.

La drammaturgia nel XX secolo, non lo dimentichiamo, è strettamente legata all’autore che si fa’ anche regista ed attore della propria opera.  Da Eduardo De Filippo a Dario Fo a Leo De Bernardinis a Carmelo Bene, per giungere ai nostri giorni con Emma Dante, Ascanio Celestini ed altri ancora è lunga la scia degli autori-registi-attori a 360°.

Una tradizione che oggi si rinnova con Saverio La Ruina, più volte premio Ubu, che ha ideato questo Laboratorio di Scrittura di scena partendo per l’appunto dal proprio lavoro, nel quale saranno coinvolti tutti i partecipanti al workshop.

Il progetto laboratoriale confluirà in uno spettacolo aperto al pubblico realizzato sia da attori professionisti che da studenti dell’Unical.

 I risultati del laboratorio, presentati in forma di lezione-spettacolo aperta al pubblico, sono da considerarsi punto di partenza in vista di un successivo lavoro. Il progetto laboratoriale, infatti, dovrebbe trasformarsi (con il coinvolgimento dell’Università e di altre istituzioni) in uno spettacolo vero e proprio, realizzato sia da attori professionisti che da studenti dell’UNICAL.