Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cinema, Teatro

Musica&cinema apre la stagione 2015-2016 del Teatro Politeama di Catanzaro

Scritto da on 29 settembre 2015 – 09:02nessun commento

Musica, musica e ancora musica nel cartellone 2015-2016 del Teatro Politeama di Catanzaro. Ad aprire la stagione è la fortunata e seguitissima sezione dedicata a Musica&Cinema, che negli anni passati ha visto sul palco stelle del calibro di Ennio Morricone, Riz Ortolani, Luis Bacalov, che il 10 ottobre saranno presenti nel teatro del capoluogo attraverso la loro musica, indimenticata e indimenticabile, eseguita dall’Orchestra Filarmonica della Calabria diretta da Steven Mercurio, ospiti Alice, Tosca, Federico Paciotti, Raphael Gualazzi e  interventi visual di Giuseppe Ragazzini ne La Dolce Vita. La musica del cinema italiano. In programma temi e suite entrate ormai nella storia e nell’immaginario comune, tratte da film come Amarcord, Otto e mezzo, La vita è bella, Il Gattopardo, Ben Hur.

Spartiti e pellicole hanno segnato la vita e la visione artistica di Armando Trovajoli, autore di pagine indimenticabili della musica -e del cinema- made in Italy (Roma nun fa la stupida stasera, Nun je da’ retta, Aggiungi un posto a tavola, Che m’è mparato a ffà, I carbonari, tratta da Nell’anno del Signore, nel video qui sotto nella interpretazione di Fabrizio De Andrè), tre grandi passioni nel cuore: Roma, il cinema e il jazz. La tradizione musicale dell’Ottocento, infusa sapientemente nelle colonne sonore scritte per la commedia e per il cinema da una parte, le collaborazioni con Duke Ellington, Louis Armstrong, Miles Davis, Chet Baker, Django Reinhardt dall’altra. Un maestro che ci ha lasciati due anni fa ma è ancora nei cuori di tanti, come Enrico Montesano, che il 18 ottobre, con la complicità di un’orchestra di 40 componenti, ripercorrerà la carriera di questo uomo schivo e gentile che ha dato un contributo di sicuro non  irrilevante alla musica dei giorni nostri.

Negli stessi anni approdava nelle case degli italiani la voce e il volto di un altro talento vertiginoso, prolifico ed eclettico come pochi, Domenico Modugno. 230 canzoni, una sessantina tra film e spettacoli teatrali, decine di milioni di copie vendute in tutto il mondo di successi come Nel blu dipinto di blu, Resta cu’ mme, Piove, collaborazioni con poeti come Salvatore Quasimodo e Pier Paolo Pasolini (per il quale interpreta i titoli di testa di Uccellacci e uccellini e il brano omonino di Che cosa sono le nuvole). A Mr. Volare presta il suo volto, il suo corpo e la sua voce Beppe Fiorello, dopo la serie Tv e il concerto-tributo del 2013, in Penso che un sogno così…, scritto insieme a Vittorio Moroni, in uno spettacolo che ha girato l’Italia fino a toccare oltre 200 repliche.

In cartellone presenti la commedia classica come Spirito allegro di Noel Coward, con Leo Gullotta, Sogni e bisogni, incubi e risvegli, scritto, diretto e interpretato da Vincenzo Salemme che si è ispirato per l’occasione e Io e lui di Alberto Moravia; Servo per due, rilettura del Servitore di due padroni di Carlo Goldoni, ancora una bella prova d’attore per Pierfrancesco Favino, in una veste abbastanza inedita.

L’incanto e la poesia del Sogno di una notte di mezza estate shakespeariano si rifrangono nello spazio di un vecchio palazzo napoletano nell’omonimo testo di Ruggiero Cappuccio con due interpreti come Isa Danieli e Lello Arena che mettono in contatto il capolavoro del Bardo con la grande tradizione favolistica partenopea.

Alla scena calabrese è dedicata la serata del 6 marzo che vede in scena Francesca Prestia con E’ un

Ph. Angelo Maggio

Ph. Angelo Maggio

cannone non è un temporale, lo spettacolo che la cantastorie sta portando in giro per l’Italia ricordando le storie di donne e uomini che hanno attraversato la Grande Guerra e Saverio La Ruina con Polvere, Dialogo tra uomo e donna, viaggio all’interno della violenza sulle donne, condotto insieme a Jo Lattari, che ha debuttato quest’anno all’Elfo Puccini di Milano e accolto ovunque dal pubblico con grande partecipazione (le nostre interviste ai due protagonisti qui e qui).

L’8 maggio a chiudere la nuova programmazione del Politeama saranno i Wiener Symphoniker, una delle più prestigiose orchestre al mondo, oggi diretta da Philippe Jordan, che si esibiscono per la prima volta nel Sud in formato quintetto per interpretare davanti al pubblico  W.A. Mozart, F. Danzi, G. Briccialdi, J. Strauss, J. Schrammel.

 

Programma completo, calendario, biglietti su http://www.politeamacatanzaro.net/default.asp