Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Libri, Teatro

Omaggio a Sharo Gambino a Vibo Valentia

Scritto da on 13 gennaio 2012 – 07:53nessun commento

Sabato 14 gennaio 2012, ore 18.00, presso il Polo Culturale Santa Chiara, via Ruggero il Normanno di Vibo Valentia  Reading teatrale con testi di  SHARO GAMBINO, dal titolo Un uomo ha perduto l’ombra .

Proseguono gli appuntamenti del Progetto Valorizzazione dell’ opera di Sharo Gambino, promosso dall’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria ed  affidato al Sistema Bibliotecario Vibonese, diretto da Gilberto Floriani.

Scomparso nel 2008, Sharo Gambino ha lasciato un’eredità letteraria cospicua ed eterogenea, tra saggi, romanzi e racconti. Raffinato meridionalista, giornalista lucido e appassionato, romanziere sensibilissimo verso la propria terra,  Gambino è tuttavia ancora terreno di scoperta, anche per i suoi corregionali.

L’obiettivo del progetto, per la realizzazione del quale il Sistema Bibliotecario sta avvalendosi della preziosa collaborazione dei familiari dello scrittore, è quello di favorire la diffusione e la fruizione delle opere di Sharo Gambino da parte di un pubblico eterogeneo, nelle diverse fasce d’età, con particolare riferimento agli studenti di scuola media e superiore, nell’intento di divulgare il più possibile la conoscenza dello scrittore calabrese.

Un uomo ha perduto l’ombra è un laboratorio di lettura rivolto agli studenti di scuola superiore dei Comuni di Vibo Valentia e Serra S. Bruno, che si avvale della regia di Ester Tatangelo,  che ha selezionato alcuni racconti di Sharo Gambino, affidandoli alla voce del talentuoso attore ionadese Paolo Cutuli e all’evocazione musicale del polistrumentista  catanzarese Francesco Peronace.