Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Teatro

Otello al Rendano di Cosenza

Scritto da on 25 aprile 2012 – 07:40nessun commento

Per la Stagione di prosa del “Rendano” giovedì 26 aprile (ore 20,30) e venerdì 27 aprile (ore 20,30) va in scena Otellodi William Shakespeare, interpretata da Massimo Dapporto, Maurizio Donadoni e Lucia Lavia, per la regia di Nanni Garella, che lo ha anche tradotto e adattato.

Lo spettacolo, prodotto dall’Arena del Sole – Nuova Scena – Teatro Stabile di Bologna, in collaborazione con il 63° Festival Shakespeariano dell’Estate Teatrale Veronese, offre l’occasione al regista, Nanni Garella, per rivisitare il dramma di Shakespeare e farne “un grande dibattito sulla fragilità della natura umana”.

In questa nuova lettura al tema classico della gelosia si affiancano il pregiudizio razziale, lo scontro tra Occidente e Oriente, l’eterno ritorno di guerre vicine e devastanti. A contrapporsi sono, però, in primo luogo due visioni del mondo: quella di Otello – bellezza e armonia, nobiltà, lealtà, amore – e quella di Iago, che disegna un mondo abietto e volgare in cui, nella totale assenza di ideologia, regna il pragmatismo più spregiudicato.

<<Nell’Otello di Shakespeare – scrive ancora il regista Nanni Garella nei suoi appunti di drammaturgia – alla fine perdono tutti, i nobili e i malvagi: Desdemona, Emilia, Roderigo assassinati, Otello suicida, Iago travolto dai suoi stessi inganni e dalle sue trame scellerate. Tutti fanno scelte sbagliate. Il mondo non ritrova il suo equilibrio, dopo l’atto estremo di Otello e il sacrificio di sua moglie: come dopo un’eclissi di sole e di luna – stralcio simbolico di una immagine barocca – l’uomo resta sotto un cielo vuoto. Nessuno ha la meglio, alla fine. In realtà, il mondo somiglia molto di più a come lo immagina Iago, ma anch’egli ne è travolto. Cosa resta, dopo gli assassini, i suicidi, il crollo della fiducia, della fedeltà e dell’amore? Probabilmente solo la notte buia, il cupo abisso in cui precipita a volte la mente umana>>.

Il botteghino del Teatro Rendano resterà aperto tutti i giorni, compreso mercoledì 25 aprile, dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00. Nei giorni dello spettacolo la biglietteria sarà aperta fino all’inizio della rappresentazione.

INFO FACEBOOK-raffaellobosco@libero.it