Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Teatro

Otello al Rendano di Cosenza

Scritto da on 25 aprile 2012 – 07:40nessun commento

Per la Stagione di prosa del “Rendano” giovedì 26 aprile (ore 20,30) e venerdì 27 aprile (ore 20,30) va in scena Otellodi William Shakespeare, interpretata da Massimo Dapporto, Maurizio Donadoni e Lucia Lavia, per la regia di Nanni Garella, che lo ha anche tradotto e adattato.

Lo spettacolo, prodotto dall’Arena del Sole – Nuova Scena – Teatro Stabile di Bologna, in collaborazione con il 63° Festival Shakespeariano dell’Estate Teatrale Veronese, offre l’occasione al regista, Nanni Garella, per rivisitare il dramma di Shakespeare e farne “un grande dibattito sulla fragilità della natura umana”.

In questa nuova lettura al tema classico della gelosia si affiancano il pregiudizio razziale, lo scontro tra Occidente e Oriente, l’eterno ritorno di guerre vicine e devastanti. A contrapporsi sono, però, in primo luogo due visioni del mondo: quella di Otello – bellezza e armonia, nobiltà, lealtà, amore – e quella di Iago, che disegna un mondo abietto e volgare in cui, nella totale assenza di ideologia, regna il pragmatismo più spregiudicato.

<<Nell’Otello di Shakespeare – scrive ancora il regista Nanni Garella nei suoi appunti di drammaturgia – alla fine perdono tutti, i nobili e i malvagi: Desdemona, Emilia, Roderigo assassinati, Otello suicida, Iago travolto dai suoi stessi inganni e dalle sue trame scellerate. Tutti fanno scelte sbagliate. Il mondo non ritrova il suo equilibrio, dopo l’atto estremo di Otello e il sacrificio di sua moglie: come dopo un’eclissi di sole e di luna – stralcio simbolico di una immagine barocca – l’uomo resta sotto un cielo vuoto. Nessuno ha la meglio, alla fine. In realtà, il mondo somiglia molto di più a come lo immagina Iago, ma anch’egli ne è travolto. Cosa resta, dopo gli assassini, i suicidi, il crollo della fiducia, della fedeltà e dell’amore? Probabilmente solo la notte buia, il cupo abisso in cui precipita a volte la mente umana>>.

Il botteghino del Teatro Rendano resterà aperto tutti i giorni, compreso mercoledì 25 aprile, dalle 10,00 alle 13,00 e dalle 16,00 alle 19,00. Nei giorni dello spettacolo la biglietteria sarà aperta fino all’inizio della rappresentazione.

INFO FACEBOOK-raffaellobosco@libero.it