Primo Piano »

E’ la creatività, bellezza…Mani Festival, dall’8 aprile a Catanzaro

6 aprile 2017 – 08:36 |

-3 al debutto di Mani Festival, la kermesse che tributa un omaggio all’ingegno e alla creatività made in Italy portando tutti i week end di aprile a Catanzaro in una straordinaria location quale quella del Complesso del San Giovanni, artigiani, …

Leggi tutto »
Home » Teatro, Video

Saverio La Ruina, Giuseppe Semeraro e Francesca Palombo protagonisti de Con il teatro non si mangia

Scritto da on 15 maggio 2017 – 10:51nessun commento

Sarà Saverio La Ruina con Masculu e Fiammina ad inaugurare il prossimo 19 maggio Con il teatro non si mangia, la rassegna, giunta alla terza edizione, che vuole esplorare i nuovi codici del teatro. Ideato da Paola Scialis e Stefano Cuzzocrea, il festival riprende e rilancia sotto forma di domanda l’utilità del teatro, la sua necessità, ma è anche il compito degli operatori, in tempo di crisi, di porre in azione nuove modalità di fruizione e la ricerca di nuovi pubblici.

masculu-e-fiammina-2L’Ex Convento di Belmonte Calabro,  spazio che ha saputo rigenerarsi  offrendo ospitalità a residenze creative e a spettacoli teatrali, farà da splendida location per i tre spettacoli in cartellone sino a luglio.

Ad aprire la rassegna è Saverio La Ruina, drammaturgo e attore osannato da critica e pubblico, anima della compagnia castrovillarese Scena Verticale,  che, dopo piccoli capolavori come Dissonorata, La Borto, Italianesi, riprende il filo del racconto di storie minime, sconosciute o travolte dal flusso della quotidianità, in cui si riflettono temi comuni a qualsiasi latitudine, spesso al centro del dibattito pubblico. Le vicende di donne e uomini di un paese del Sud come tanti, dimenticati da Dio e dalla Storia, diventano lo specchio di un mondo sempre più dimentico di sè stesso. Un monologo di 80 minuti in cui si snoda la confessione di un figlio alla madre morta. Superba prova recitativa di La Ruina, ha scritto Renato Palazzi. E c’è da credergli.

Venerdì 16 giugno è la volta di Due parole in croce, di e con Giuseppe Semeraro della compagnia Principio Attivo Teatro. Un “rito poetico vivo che ha sullo sfondo un libro e le sue parole. Il tentativo è quello di scoprire e attraversare la poesia attraverso il teatro“, spiega l’autore, che mette il suo corpo e la voce a servizio dei versi poetici. I testi, tutti originali, sono come dei racconti in versi, dei piccoli cortocircuiti del quotidiano. La poesia, così, esce dal suo guscio e incontra il pubblico parlando alla gente in maniera diretta per guardarla negli occhi nel momento in cui la parola diventa il luogo di quell’incontro. Musiche dal vivo eseguite da Leone Marco Bartolo, cantautore e musicista che spesso diventa il motore e anima dello spettacolo.

A concludere la rassegna sabato 1 luglio è Canzoni sull’orlo di una crisi di nervi, in cui Francescateatro 3 Palombo dà vita a Pepa Lopez de Leon, diva decadente che, armata di fisarmonica, dà sfogo al suo delirio interiore. Così, dalla passione amorosa, l’atmosfera si tinge di una vena masochista e surreale, i brani d’amore lasciano il posto a una marcia funebre in un crescendo tragicomico. A metà strada tra il caffè chantant e il teatro canzone, lo spettacolo  strizza l’occhio al clown contemporaneo e a certi personaggi almodovariani, dove gli eccessi autodistruttivi e gli estremismi emotivi diventano un pretesto per ridere e sorridere di certi clichè, ma anche per riconoscersi nella fragilità del personaggio. La musica, la comicità e l’ironia si fondono per dar vita a uno spettacolo divertente e surreale.

 INFO
> prenotazione obbligatoria
> 339 61 95 901 (paola) |
> 339 63 64 170 (stefano)
info@exconvento.it
www. exconvento.it