Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Primo Piano, Teatro

Saverio La Ruina in tourneè in Russia, Bosnia ed a Parigi

Scritto da on 29 settembre 2011 – 16:02nessun commento

Saverio La Ruina, drammaturgo, regista ed attore, fondatore della compagnia Scena Verticale di Castrovillari con Dario De Luca e Settimio Pisano, sarà presente con le sue opere più note,  La Borto e Dissonorata, in due dei più importanti festival teatrali nel mondo, il Mess Festival a Sarajevo (7 ottobre) e l’International Festival Solo a Mosca  (3  ottobre).

Ancora un’occasione preziosa per far conoscere anche nei paesi dell’est , dopo essere saliti negli anni passati sui palcoscenici di mezza Europa (dal Belgio alla Francia alla Germania all’Inghilterra)  ed americani (Usa e Argentina)  due dei migliori testi teatrali editi in Italia negli ultimi anni, ampiamente apprezzati dal pubblico e dalla critica, che ha conferito a Saverio La Ruina numerosi ed importanti riconoscimenti tra i quali i premi Ubu 2007 e 2010 ed il Premio Hystrio per la drammaturgia.

 In scena, seduto su una sedia,  seguito dalle evoluzioni al sax di Gianfranco de Franco, La Ruina rappresenta in uno spettacolo denso, a tratti ironico a tratti drammatico, due storie di donne del sud –d’Italia, sud di tutto il mondo- come tante, vittime di un sistema patriarcale che li vuole sottomesse e schiave del desiderio maschile ma capaci di percorrere i sentieri del riscatto e della emancipazione.

Due testi intensi, dove la parola gioca un ruolo primario, dove tra pause, silenzi ed un suo originalissimo del dialetto il pubblico viene cullato in un mondo che appare lontano, quasi fantastico, eppure mai così vicino a noi ed a questo tempo.

Saverio La Ruina, diplomatosi alla Scuola di Teatro di Bologna, ha lavorato con registi del calibro di Jerzy Sthur, Leo de Bernardinis, Eimuntas Nekrosius.

Intanto, sempre il  7 ottobre,  La Borto verrà presentato in un reading, curato da Federica Martucci (che lo ha tradotto in francese insieme ad Amandine Mèlan) , a Parigi alla Festa del Libro Italiano.

http://www.altritaliani.net/spip.php?article848