Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » Teatro

Silvio Castiglioni porta in teatro i monologhi di Pedretti a Reggio Calabria

Scritto da on 6 febbraio 2014 – 09:51nessun commento

Conferma la sua predilezione verso il teatro d’autore SpazioTeatro che nella settimana dall’ 11 al 16 febbraio 2014 ospita a Reggio Calabria Silvio Castiglioni, uno dei riconosciuti protagonisti della scena teatrale italiana, che per l’occasione si fa in due con  il laboratorio teatrale Teatro elementare e lo spettacolo L’uomo è un animale feroce, con il quale è in tournée in Italia.

Scrive Raúl Ruiz

Per fare teatro si richiede buona memoria.
Senso del sacrificio, amore per il dolore che dura.
Per fare teatro si deve imparare a pensare parlando.
A guardare con gli occhi chiusi, a non vedere con gli occhi aperti.
A vedere ciò che nessuno vede.

Così nel laboratorio Teatro elementare Castiglioni torna agli elementi fondamentali del fare teatro. L’ascolto e l’attenzione, l’accoglienza e l’azione. Per vedere, come dice Ruiz, ciò che nessuno vede.

 

O per ascoltare  ciò  «che sta dentro tutti gli altri e in nessuno», dando voce a chi voce non ha.  Come fa Nino Pedretti,  con Baldini e Tonino Guerra  nel gruppo dei poeti di Santarcangelo, autore dei monologhi scritti alla fine degli anni ’70, destinati alla Rai ma mai messi in onda, ritrovati e pubblicati pochi anni fa, da cui Castiglioni ha tratto L’uomo è un animale feroce.

silviocastiglioni_n

Può accadere che una trasmissione radiofonica diventi uno spettacolo teatrale in cui  i diversi personaggi non siano altro che i diversi volti dell’autore, ma anche di una biografia comune a tutti. Insomma un doppio, come il doppio è per antonomasia l’architrave del lavoro teatrale.

 

La messa in scena di Castiglioni rivela tutta la ricchezza e disarmante  attualità di questa galleria di personaggi, maschere (la moglie, il venditore, l’impiegato, il bibliotecario ipocondriaco) attraverso le quali Pedretti ritrae una società omologata e ingabbiata, anestetizzata e incapace di trovare una via di fuga.

pedretti-uomo-animale-feroce

La lezione pasoliniana è digerita e tradotta da Pedretti in  una serie di quadretti poetici e spietati nella rappresentazione del sogno infranto di vite improbabili, perse nel tran tran di tutti i giorni e nel quotidiano faticoso fare i conti con fragilità e ferite insanabili.

 

Silvio Castiglioni, attore e ricercatore teatrale, è tra i fondatori del CRT (Centro di Ricerca per il Teatro) di Milano, di cui è stato anche direttore artistico, dove matura le prime esperienze formative con i Bread and Puppet di Peter Schumann e l’Odin Teatret di Eugenio Barba. Fonda il Teatro di Ventura, lavora tra gli altri con Raùl Ruiz, Mauricio Paroni de Castro, Renato Gabrielli, François Khan, Katzuko Azuma, Sandro Lombardi e Federico Tiezzi.  Dal 1998 al 2005 è stato direttore artistico del Festival di Santarcangelo, il più importante festival per il nuovo teatro e la ricerca teatrale italiana.

 

Iscrizioni al workshop entro il 7 febbraio.
Maggiori info sul sito www.spazioteatro.net o telefonando al 339.3223262.