Primo Piano »

Andrea Cefaly jr alla scuola di Casorati in mostra a Catanzaro

30 ottobre 2017 – 10:59 |

E’ una mattina tersa e luminosa inusuale per l’inverno torinese quella in cui si incontrano per la prima volta il pittore affermato, amico di Casella e Gobetti, e il giovane arrivato dalla Calabria che ha fatto dell’arte il suo unico …

Leggi tutto »
Home » Cultura, Teatro

Teatro, territorio e dialogo interculturale in una residenza teatrale a Badolato. Ospite Elisabetta Pozzi

Scritto da on 12 settembre 2012 – 19:53nessun commento

Elisabetta Pozzi, una delle più importanti interpreti del teatro italiano, sarà tra i protagonisti di MigraMenti – Poetiche del viaggio, il progetto triennale di residenza teatrale che  ha preso il via nei giorni scorsi al Teatro Comunale di Badolato, nato dalla joint ventures tra Compagnia Teatro del CarroComune di Badolato.

Un progetto che vedrà impegnata per tre anni, in un importante percorso di produzione, organizzazione e promozione del teatro,  della cultura e del dialogo interculturale, il Teatro del Carro, la ormai storica formazione fondata da Pino Michienzi e Anna Maria De Luca, sostenuto dalla Regione Calabria nell’ambito del nuovo sistema regionale delle Residenze teatrali.

Attraverso i Progetti di Residenza, una delle più innovative “buone pratiche” di promozione della cultura in Italia e in Europa, le compagnie professionali teatrali promuovono la partecipazione e l’educazione del pubblico in stretta collaborazione con gli altri soggetti che operano sul territorio. Un’  azione indirizzata alla promozione della cultura locale e, allo stesso tempo, alla sua proiezione verso altre realtà, nazionali e transnazionali.

 

Ricchissimo il programma delle attività previste, che si terranno nelle prossime settimane, ad iniziare dallo stage di Direzione di Scena condotto da Umberto Pischedda un tecnico professionista di grande esperienza.

Ad ottobre sarà Aspru Munti ispirato a Corrado Alvaro, regia di Luca Maria Michienzi, ultimo lavoro del Teatro del Carro, ad inaugurare la rassegna di spettacoli in cui saranno presentati alcuni lavori dedicati alla Calabria,  realizzati da compagnie della regione e dallo stesso Teatro del Carro, e lo straordinario ultimo spettacolo-concerto di Elisabetta Pozzi.

L’attrice genovese sarà anche tra i “maestri” che condurranno a Badolato i workshop residenziali indirizzati a giovani allievi e aspiranti attori, insieme a Michele Monetta, insegnante di maschera, mimo e Commedia dell’Arte all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico ed al giapponese Hal Yamanouchi,artista che ha collaborato con i più importanti registi e coreografi contemporanei, che introdurrà nel percorso formativo gli elementi di base delle discipline orientali.

A novembre la residenza darà vita a un progetto speciale di cinque giornate che  coinvolgerà i gruppi etnici e le realtà interculturali presenti sul territorio. Il progetto Teatroinviaggio, realizzato in collaborazione con il CIR (Centro Italiano Rifugiati)  e l’ Associazione Città Futura di Riace,  è coordinato dall’attrice congolese  Judith Moleko Wambongo e da Pietro Floridia , regista e direttore dell’ITC Teatro –Teatro dell’Argine di Bologna, che dirige da anni laboratori interculturali che hanno dato vita nel tempo ad una compagnia multietnica e di rifugiati politici. 

Per i più piccoli, tre appuntamenti domenicali, Famiglie a Teatro, una formula già  sperimentata con successo sul territorio nazionale, che coinvolge insieme i bambini e i loro genitori, ed un corso di teatro coordinato da Anna Maria De Luca.