Primo Piano »

Dal fumetto criminale a quello sociale, arriva a Cosenza il Festival del Paesaggio

18 settembre 2017 – 10:26 |

Il prossimo week end, dal 22 al 24 settembre, torna il fumetto a Cosenza al Festival del Fumetto Le Strade del Paesaggio, diventato uno degli spazi più interessanti dedicati al fumetto e al suo universo. Promossa da Cluster con la …

Leggi tutto »
Home » Primavera dei Teatri 2011, Teatro

Un fiaba, senza fiaba Grimmless di Ricci/forte

Scritto da on 3 giugno 2011 – 07:58nessun commento

Sabato 4 Giugno 20.30 al Teatro Sybaris, presso il Protoconvento di Castrovillari (Cs).

Sei attori sulla scena evocano attraverso la fiaba una quanto mai lontana eta’ dell’innocenza. Le favole per eccellenza, quelle dei fratelli Grimm, dalla spensieratezza e l’ingenuita’ infantile al mondo di oggi.

Ma la realta’ che ci circonda non e’ quella a lieto fine dei Grimm, dove ci sono personaggi buoni e cattivi.

Da qui appunto il titolo Grimmless, senza Grimm.

Per Ricci e Forte, autori di Grimmless, la fiaba e’ la <transizione infantile verso l’età adulta. Fiaba come polmone d’acciaio per sopportare, da adulti una quotidianità più affilata delle unghie di qualunque matrigna. Fiabe per nonni e nipoti, ognuno con il proprio bagaglio di desideri, aspettative e frustrazioni pronti a spiccare il volo verso una materializzazione dei bisogni che non sempre avviene>.

Sulla scena Cappuccetto Rosso si accanisce con violenza su cio’ che rappresenta il fallimento di tutte le aspettative create per lei dalla sua famiglia, mentre si muove in un groviglio di inutili  e superflui strumenti tecnologici e di comunicazione.

La casa di marzapane di Hansel e Gretel diventa un plastico da dimostrazione televisiva porta-a-porta, a ricordare e denunciare il degrado raggiunto dalla cosiddetta  “televisione del dolore”.

Sembra un gioco, ma siamo sempre a un passo dalla tragedia, come per Cenerentola che si specchia nella matrigna, schiava della superficiale profondità della forma.

Biancaneve alla ricerca di un’affettivita’ piu’ vera e relazioni meno ipocrite, si scontra con la sua identità, scossa e turbata, e con le aspettative dei suoi stessi consanguinei cercando di liberarsi da falsi vincoli.

RicciForte si formano all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico e alla New York University, dove studiano drammaturgia con Edward Albee. Vincono i Premi Studio 12, Oddone Cappellino, Vallecorsi, Fondi-La Pastora e Hystrio per la Drammaturgia. Stanislas Nordey, Elisabetta Pozzi, Maria Paiato e Massimo Popolizio sono stati, tra gli altri, interpreti dei loro testi e mise en scène. Rappresentano la scena italiana a Rouen, Marsiglia, Parigi. Partecipano a diversi festival in Francia, Romania , Inghilterra  e Germania. Tra gli spettacoli ricordiamo troia’s discount, metamorpHotel, 100% furioso, ploutos,(che ottiene il premio della Critica come miglior drammaturgia Biennale Teatro/Venezia) macadamia nut brittle, pinter’s anatomy, troilo Vs. cressida,  some disordered christmas interior geometries.  

La loro ultima fatica e’ Grimmless.