Primo Piano »

Arrivederci a presto!

3 aprile 2018 – 09:39 |

Cari amici e amiche, il nostro sito sospende le pubblicazioni.
 
Share

Leggi tutto »
Home » Teatro

Viaggio nel teatro calabrese: il Teatro dell’Acquario

Scritto da on 7 marzo 2013 – 12:10nessun commento

Inauguriamo una nuova rubrica, un viaggio all’interno di un settore tra i più vivaci ed innovativi del comparto cultura: il teatro.

teatri acquario01_nIniziamo con una delle realtà più longeve sul territorio calabrese, il Teatro dell’Acquario.

Nato 32 anni fa a Cosenza in un vecchio capannone dismesso grazie alla Cooperativa Centro Rat, l’Acquario è stata nel corso del tempo fucina di eventi e centro di produzione, di programmazione e di formazione teatrale riconosciuto ed apprezzato anche fuori dai confini nazionali. Un piccolo/grande progetto che ha saputo programmare nel tempo con continuità diverse attività, coinvolgendo enti, privati, associazioni, divenendo un punto di riferimento per la cittadina bruzia e più in generale per il territorio regionale.

Dagli anni ’80 in poi centinaia di compagnie, di teatro e di danza, musicisti, artisti hanno trovato nell’Acquario il luogo dove esprimere e trasmettere la propria poetica. Sul suo palcoscenico sono saliti Judith Malina, Eugenio Barba e l’Odin Teatret, Leo De Berardinis, Dario Fo, il Teatro Nero di Praga, Tony Servillo, Ascanio Celestini, Emma Dante, Mimmo Cuticchio, Barberio Corsetti, Paola Borboni, Pippo Del Bono, Moni Ovadia, solo per per citarne alcuni.

<< Il Teatro dell’Acquario, in 32 anni –afferma Dora Ricca, regista, scenografa ed anima dell’Acquario-  ha formato generazioni di attori e fidelizzato un folto pubblico, stimolandone la curiosità attraverso lavori innovativi, ospitando il lavoro di ricerca e quello di tradizione, allargando la gamma delle proposte, nazionali e internazionali, adempiendo alla sua missione più alta: l’educazione al teatro.   Anche l’ultima creatura del Centro Rat, l’Acquario Bistrot (annesso al Teatro) rappresenta quanto la nostra struttura sia stata e sia  capace di leggere i tempi e di interpretare l’esigenza di  animare gli spazi teatrali e socializzarne le proposte>>.

Quest’anno, tuttavia, il Teatro non avrà una sua stagione. I tagli dei finanziamenti regionali e <<l’impossibilità di partecipare ai bandi POR Cultura della Regione Calabria>>, precisa Dora, hanno impedito la regolare programmazione delle attività, spingendo gli organizzatori a promuovere una petizione, chiedendo a tutti di firmare un appello per evitare la chiusura.

Un appello che ha già raccolto oltre 2000 firme e la solidarietà di artisti, operatori del settore e pubblico.

<<Tutto questo nasce dal progressivo taglio di risorse da parte della Regione al nostro Centro ed al settore teatrale regionale più in generale –prosegue Dora Ricca-, segnali di una politica distratta e superficiale verso il teatro. L’ Acquario non è solo un edificio ma una realtà viva e pulsante, una rete in fermento con potenzialità straordinarie, confermate dalla sua storia, diventata nel tempo un patrimonio della collettività, in cui una intera comunità si conosce e si riconosce.

Federico Garcia Lorca scriveva che “un popolo che non aiuta e non favorisce il suo teatro, se non è morto, è moribondo”. Il Teatro dell’Acquario è solo la punta di un iceberg composto da migliaia di persone sensibili, attente, solidali, intelligenti, spesso ignorate dalle politiche pubbliche. Ieri sulla bacheca del Teatro abbiamo affisso un manifesto bianco, che ha un duplice significato: una stagione che non si farà, o che aspetta, ancora una volta, di essere scritta>>.

Intanto gli organizzatori hanno confermato gli impegni già presi nei mesi scorsi per ospitare alcuni eventi anche di spessore.  Come Rumori di acque di Marco Martinelli, con le musiche dal vivo dei Fratelli Mancuso, uno degli spettacoli più interessanti delle due ultime stagioni (giovedì 7 marzo 2013, ore 21), Speaking and Looping spettacolo di suoni e parole con Marco Orrico, chitarrista e cantante dei Camera 237, ed Ernesto Orrico, attore e autore teatrale (sabato 9 marzo, ore 21) e l’appuntamento jazz con Velia Ricciardi e Giovanni de Sossi all’Acquario Bistrot il prossimo 8 marzo.

 

Per maggiori info http://www.teatrodellacquario.it/index2.php

 

Per firmare l’appello

http://www.activism.com/it_IT/petizione/il-teatro-dell-acquario-sta-per-chiudere-difendiamolo/42002