Primo Piano »

Antonio Ligabue, la tragedia, la visione. Una mostra al Museo del Presente a Rende

5 gennaio 2018 – 11:08 |

Chi non conosce il suo volto scavato, dominato da quegli occhi enormi, che ti osservano da distanze insondabili, immortalato in decine di autoritratti. Chi non conosce la sua vita, che sembra una tragedia greca, un padre mai conosciuto, una madre …

Leggi tutto »
Home » scienze, ViaggiArt, Video

C’è un pezzo di Calabria nella particella di Dio

Scritto da on 16 febbraio 2016 – 08:03nessun commento

Avete in mente il Bosone di Higgins, definita la ‘particelle di Dio‘, l’elemento mancante per completare il Modello standard, la teoria fisica che descrive le forze fondamentali dell’Universo? Una delle grandi scoperte scientifiche degli ultimi anni è stata compiuta al CERN di Ginevra, diretto da Fabiola Gianotti, grazie a un team internazionale, nel quale c’è anche un calabrese. Lui si chiama Antonio Policicchio, ha 37 anni, è di Cosenza…

e da due anni vive a Ginevra per partecipare agli esperimenti del CERN. Insieme a 160 istituti e università provenienti da 40 Paesi diversi. Vi partecipa anche il Dipartimento di fisica dell’Università della Calabria, di cui Policicchio fa parte. Qui sono stati realizzati 36 mila rivelatori che poi sono stati montati al CERN.

Antonio Policicchio

Antonio Policicchio

Un bellissimo esempio di partnership internazionale, alla quale ognuno contribuisce con le proprie risorse, che va raccontato perchè dice molto di una Calabria che funziona, che esprime professionalità e qualità della ricerca che non hanno nulla da invidiare ad altri e più noti istituti di ricerca, nazionali e internazionali.

 

Per saperne di più qui c’è l’intervista che Policicchio ha rilasciato al guru Riccardo Luna.